“Adotta un filosofo”: i Licei di Amalfi incontrano il prof. Davide Grossi. Domani all’Arsenale

Tener viva e vitale la memoria della storia europea quale eredità spirituale e costruzione nel presente insieme: questa la finalità del progetto “Adotta un filosofo”, promosso dalla Fondazione
Campania dei Festival, d’intesa con l’Ufficio Scolastico Regionale della Campania. L’iniziativa è stata destinata solo a 60 scuole superiori della Regione Campania, che sono state selezionate tra quelle che entro fine gennaio hanno presentato la propria candidatura.

Tra loro vi è il “Marini-Gioia”.
L’attività ha testimonial d’eccezione, come Biagio de Giovanni, Aldo Masullo, Fulvio Tessitore, Vincenzo Vitiello che, insieme a molti altri, stanno incontrando gli studenti e le studentesse dei licei e istituti superiori della Campania per discutere del processo di costruzione dell’Europa e del suo avvenire.

L’obiettivo è prestigioso: portare gli accademici dalla cattedra universitaria ai banchi delle scuole superiori, per mettere a disposizione dei giovani una “cassetta di attrezzi del sapere” dove riporre gli strumenti basilari di conoscenza per diventare i cittadini europei del futuro.

Luisa Monti Uomini e Donne Over: chi è, età, vita privata della dama

E' una delle grandi protagoniste di questa edizione del trono over di Uomini e Donne, parliamo di Luisa Monti.La dama è seduta nel parterre ormai da...

Il ciclo di lezioni, rivolte agli studenti dell’ultimo anno di studi, è centrato, infatti, sulla conoscenza e l’approfondimento delle radici della comune identità spirituale e culturale, al fine di tener vivo il senso di appartenenza all’Europa come cittadini storicamente e politicamente consapevoli.

L’incontro, fortemente sostenuto dal rappresentante degli studenti Elian Giordano, è stato organizzato dalla Dirigente Scolastica dott.ssa Solange Sabina Sonia Hutter e dal suo staff in collaborazione con l’Assessore alla Cultura del Comune di Amalfi dott.ssa Enza Cobalto, già alunna del Liceo “Marini”.

Si terrà nel Museo dell’Arsenale domani 16 marzo 2019, dalle ore 10:15 alle ore 12:15. L’appuntamento è rivolto agli alunni delle classi quinte del Liceo classico, scientifico e linguistico e sarà coordinato dalla professoressa Fiorella Federici, referente per l’Istituto del progetto “Adotta un filosofo”.

Programma

ore 10.30 – 12:15
Arrivo presso il Museo dell’Arsenale
Saluti istituzionali ed apertura dei lavori
Modera i lavori la prof.ssa Federici, docente di Storia e Filosofia dell’Istituto Relazione del prof. Davide Grossi, allievo del filosofo Emanuele Severino Seguirà il dibattito degli studenti

A conclusione del ciclo di incontri, gli studenti saranno chiamati a produrre – singolarmente o in gruppi di due o tre, insieme con i vostri docenti di Storia e Filosofia – un elaborato testuale o multimediale da sviluppare sulla base dei temi affrontati. Ogni istituto invierà alla Fondazione Campania dei Festival il lavoro scelto per partecipare alla selezione finale.

Una commissione composta dagli stessi filosofi giudicherà i 6 migliori lavori.
A tre studenti di ogni scuola vincitrice sarà offerta la possibilità di partecipare a un viaggio di istruzione presso le istituzioni dell’Unione Europea.

I migliori lavori saranno premiati con una cerimonia pubblica: in quell’occasione tutti gli studenti coinvolti riceveranno una card, valida per due persone, che consentirà l’accesso gratuito a tutti gli spettacoli del Napoli Teatro Festival Italia e la possibilità, per un anno, di accedere gratuitamente alle mostre allestite presso il Madre – Museo d’Arte contemporanea Donnaregina.

“Con il contributo dei filosofi cercheremo di aiutare le nuove generazioni a tener viva e vitale la memoria della storia europea e del processo politico che ha portato alla sua formazione, per dare ai nostri ragazzi un’opportunità di conoscere l’Europa e le sue istituzioni attraverso l’elaborazione critica del pensiero, una delle forme più alte di espressione, e invitarli a ragionare con maggiore consapevolezza sul suo futuro.

Filosofi e studenti potranno, dunque, lavorare a quella che dovrebbe essere la missione preminente della scuola: la realizzazione dei sentimenti nell’individuo e la conoscenza di essi grazie alla più antica e più forte delle forme di relazione umana: il dialogo.