A Salerno ritorna la musica dal vivo. Ecco tutte le regole da rispettare

Foto by Alfredo Capuano

L’assessore al commercio del Comune di Salerno Dario Loffredo ha incontrato questa stamattina, alla presenza del sindaco Enzo Napoli e del funzionario Settore Attività Produttive, i gestori dei locali della movida per anticipare e condividere i contenuti del nuovo regolamento che disciplina orari e giorni di musica dal vivo nei locali cittadini.

Sarà possibile far musica in ambiente chiuso con utilizzo di impianto elettronico il venerdì ed il sabato dalle ore 19 alle ore 1 del giorno seguente e, a scelta, il mercoledì o il giovedì sarà possibile farlo dalle ore 19 fino a mezzanotte. Il venerdì sarà poi possibile tonare a fare musica dal vivo anche all’esterno dei locali anche amplificata fino alle 23.30 e dalle ore 19.

La musica dal vivo sarà sperimentale dal momento che bisogna avere riscontro dai residenti per una questione di quiete pubblica. Chi víola le regole sarà prima sanzionato e, in caso di recidiva, l’ordinanza sarà sospesa.

Pamela Barretta Uomini e Donne: chi è, età, lavoro e fidanzato della dama trono...

E' una delle dame più belle, apprezzata e conosciute del parterre femminile di Uomini e Donne, parliamo di Pamela Barretta. Pamela Barretta Uomini e Donne: chi...

Il Comune di Salerno, inoltre ha messo le basi per stipulare un protocollo d’intesa con la SIAE per promuovere la diffusione di musica live e dj set, aiutando i giovani musicisti e rendendo la città ancora più accogliente, soprattutto per i turisti. Tutti i locali in regola con la Siae, che hanno i permessi di pubblico spettacolo, che rispettano le regole, avranno incentivi per favorire la produzione di musica.

Limitatamente ad esercizi pubblici ubicati in sede autonoma, cioè ricadenti in fabbricati destinati anche in parte a civili abitazioni ed in zone del territorio a scarsa densità abitativa, ci sarà la possibilità di proroga fino alle ore 4 oltre trenta minuti per il deflusso degli avventori.

«Siamo qui per rilanciare, per quanto ci compete, un settore che – afferma il Comune – ha vissuto qualche battuta a vuoto negli ultimi tempi, a beneficio di altri comuni limitrofi. Non entriamo nel merito delle caratteristiche dei locali e delle volumetrie, non entriamo nel merito delle vicende amministrative che competono solo al Comune. Le nostre tariffe sono pubbliche e sono presenti sul sito ufficiale. Siamo qui per spiegare quali sono le regole e le procedure da rispettare, in che modo possono essere portate a termine le pratiche nel minor tempo possibile e per far sì che tutti abbiano contezza di quali siano i compensi da riscuotere».