A Matera per le Olimpiadi della Cultura. Dal Marini-Gioia di Amalfi 54 alunni in gara

Ben nove squadre, composte dagli studenti dei diversi indirizzi di studio (classico, scientifico, linguistico, turistico) dell’istituto Marini-Gioia di Amalfi, parteciperanno alle semifinali macro-regionali delle Olimpiadi della Cultura e del Talento, che si svolgeranno a Nova Siri (in provincia di Matera) a partire da lunedì 11 marzo.

Le nove squadre dell’istituto superiore “Marini – Gioia” di Amalfi, guidato dalla preside Solange Sabin Sonia Hutter, hanno superato la fase eliminatoria e si apprestano ad affrontare le prove multidisciplinari di un concorso culturale nazionale rivolto alle scuole secondarie di secondo grado di tutto il territorio italiano.

Oltre alle formazioni del Sud che si ritroveranno a Nova Siri, le semifinali avranno luogo anche a Civitavecchia (Roma) per il Centro e a Torino per il Nord. Le migliori squadre approderanno alla finalissima di Tolfa (Roma) in programma dal 2 al 5 maggio 2019.

L’Aquila Grandi Speranze: trama, cast, attori e anticipazioni seconda puntata

Questa sera andrà in onda su Rai 1 l'attesissima seconda puntata della fiction L'Aquila Grande Speranze. L’Aquila Grandi Speranze: trama La fiction proposta da Rai 1 racconta la...

Questa esperienza sarà anche una preziosa occasione per conoscere Matera, grazie ad una visita guidata alla scoperta dei luoghi più affascinanti e caratteristici della Capitale Europea della Cultura 2019 è stata fortemente voluta dai rappresentanti degli studenti che hanno trovato il sostegno della preside e dei docenti.

Gli studenti, accompagnati dal dirigente scolastico e dai docenti Giuseppina Severino, Luigi Buonocore (entrambi referenti del progetto), Salvatore D’Amato e Carmela Di Benedetto, avranno così l’opportunità di riscoprire le bellezze artistiche e paesaggistiche italiane e di socializzare con i coetanei provenienti da diverse regioni in un clima di sana e costruttiva competizione.

Nel corso delle varie edizioni l’evento ha ricevuto prestigiosi patrocini come quello della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Camera dei Deputati e del Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, per citarne alcuni.

Il concorso nasce con l’obiettivo di diffondere nelle giovani generazioni la cultura del merito, facendo emergere i migliori talenti e le eccellenze e invogliando i ragazzi a lavorare in gruppo. Le materie oggetto delle prove verteranno su tematiche prettamente scolastiche comuni ai vari indirizzi di studi e su tematiche che esulano dei programmi scolastici come l’attualità e la cultura musicale.