A Maiori torna il “Lemon Night”: quest’anno si gusta il limone ricordando Masaniello

Dopo il successo delle passate edizioni, torna anche quest’anno a Maiori l’appuntamento estivo con il “Lemon Night”. La quarta edizione della rassegna si svolgerà il 19 e il 20 agosto, con inizio alle 20.00, nella frazione San Pietro.

Organizzato dall’associazione “Scugnizza”, il “Lemon Night” è un evento all’insegna dei sapori e della tradizione di quello che da sempre viene definito come “l’oro giallo” della Costiera.

Il percorso, come ogni anno, è diviso in due parti: nella Piazza di San Pietro, 8 stand gastronomici per assaporare a pieno le prelibatezze preparate con lo “sfusato amalfitano” ; lungo il tragitto che porta nel cuore del borgo attraverso i caratteristici vicoli e le antiche scale immersi nei giardini di limoni, si svolgerà il percorso teatrale  a cura dell’associazione “Atellana” che quest’anno propone uno spettacolo sulle tracce del rivoluzionario Tommaso Aniello D’Amalfi …” urbis rex” .

Età picco di ottimismo secondo uno studio dell’Università della California

L'Università della California ha realizzato uno studio sull'età del picco dell'ottimismo riportato anche dal sito di Focus.I periodi negativi sono indispensabili anche per imparare a...

Anche quest’anno il menù del “Lemon Night” farà apprezzare i mille accostamenti possibili del nostro limone. L’evento ha inoltre ricevuto il patrocinio dell’ “Associazione Italiana Celiachia” in quanto è la prima manifestazione completamente “gluten free” per andare incontro alle esigenze di quanti sono intolleranti al glutine ma che possono ugualmente degustare i piatti al limone.

Anche l’attenzione all’ambiente è un elemento fondamentale e imprescindibile per lo sviluppo della comunità e, per questo motivo, la manifestazione sarà completamente a “rifiuti zero”. Saranno infatti utilizzate unicamente stoviglie lavabili o compostabili, acqua e bibite alla spina o in vetro eliminando completamente l’uso di plastiche, poliaccoppiati e prodotti non recuperabili. Pertanto la manifestazione è patrocinata anche da Legambiente e da “Zero Waste Italy”.

Tante sono le novità che accoglieranno i visitatori, a partire dall’itinerario gastronomico, ideato dall’azienda Fiordicosta, in cui si potranno gustare sorprendenti accostamenti del limone IGP Costa d’Amalfi ad altri sapori della nostra terra. Tartare di tonno con frutta secca e colatura di alici, pasta tipica con ceci vongole e ricotta salata di pecora, parmigiana di melenzane con provola e baccalà, tagliate di ananas e frutta fresca, sorbetti,  sono solo alcune delle delizie all’essenza di limone che si potranno gustare.

Quest’anno l’evento vedrà inoltre la partecipazione del maestro pasticciere, Sal De Riso, di cui potrà essere assaporata una selezione di dolci al limone igp accompagnati dai limoncelli e liquori al cioccolato e limone.

Nel percorso di valorizzazione e riscoperta dei sapori della nostra terra, quest’anno “Lemon Night” ha voluto intraprendere una partnership con l’associazione Acarbio che ha rilanciato la coltura di quello che è definito “il pomodoro riscoperto della Costiera Amalfitana”, il “Re Fiascone”, che entrerà nei piatti degli ospiti della kermesse.

Le serate saranno allietate da piacevoli intrattenimenti musicali concludendosi tra canti e balli.

Masanie’ URBIS REX

Anche quest’anno, l’associazione artistico – culturale “Atellana” “ Popolo, po’! io songo ‘o populo” queste parole riecheggiarono il 16 Luglio1647 a Napoli, in Piazza Mercato, durante la processione in onore della Madonna del Carmine. A gridarle con forza fu un pescatore , Tommaso Aniello di Amalfi, ormai vittima delle cospirazioni di nobili e dei suoi amici , pedine nelle mani di potenti, pronti a soffocare il desiderio di libertà di una popolazione vessata dall’ingiustizia.

“Masaniello, figura ancora adesso molto viva nella memoria storica, è diventata nel linguaggio teatrale ispirazione di vari riadattamenti teatrali – commentato Costantino Amatruda, a cui spetta la regia e la direzione artistica dello spettacolo-. Canovacci da me utilizzati e che, intrecciati da mie suggestioni , sono diventate installazioni teatrali in cui musica parole e danza si fondono in un messaggio ancora attuale: rivendicare i propri diritti, in una società “ apparentemente” inclusiva ma purtroppo ancora votata all’individualità e non al bene comune”.

Lo spettacolo itinerante verrà replicato nella suggestiva cornice del borgo marinaro di Atrani il 2 Settembre nell’ambito di ” Atrani- Teatro Aperto” dove rivivrà l’anima di Masaniello, chela storia vuole luogo di origine della famiglia del famoso pescivendolo.