A Machu Picchu un biglietto ad ore contro il sovraffollamento. Idea per la Costiera Amafitana?

Il sovraffollamento turistico non riguarda solo la Costiera Amalfitana, Capri e Venezia ma anche uno dei siti archeologici più affascinanti e misteriosi del mondo: Machu Picchu.

Il sito peruviano sta infatti soffrendo un sovraffollamento e, per limitarlo, si è deciso di imporre nuove restrizioni come il biglietto d’ingresso che consente l’accesso alle rovine dell’antica città inca solo all’orario prestabilito e per un massimo di quattro ore.

Foto BookMundi

Come riporta la Cnn, già anni fa era stato introdotto un tempo limite per limitare il sovraffollamento del sito Patrimonio dell’Umanità Unesco, eletto nel 2007 come una delle Sette meraviglie del mondo moderno:  il tetto massimo giornaliero a quota 2.500 ospiti. Il provvedimento però non è servito se non a rallentare la crescita degli afflussi, che hanno comunque raggiunto e superato quota 1-1,2 milioni di unità.

Pasqua 2019: gli auguri dell’arcivescovo di Amalfi-Cava, Mons. Soricelli

La Pasqua 2019 è ormai alle porte e, come di consueto, l’arcivescovo della diocesi Amalfi – Cava de’Tirreni, Monsignor Orazio Soricelli, ha fatto pervenire ai...

Successivamente nel 2017 era arrivata anche una seconda decisione: biglietti validi per la sola mattina o per il pomeriggio, il momento meno affollato della giornata. Anche questa volta, la situazione è migliorata di poco: i due ingressi potevano essere acquistati dalla stessa persona, che così si trovava a trascorrere nel sito archeologico tutto il giorno.

Adesso la nuova limitazione secondo cui i turisti sono invitati a decidere un orario di ingresso, in una fascia compresa tra le 6 e le 14 e, dal momento in cui entrano, possono rimanere soltanto 4 ore.

Ogni qual volta che si adotta un metodo per ridurre il sovraffollamento turistico, il pensiero che quell’idea potrebbe essere applicata anche in Costiera Amalfitana si fa largo anche nei nostri pensieri.

La soluzione adottata per il sito inca potrebbe essere adottata anche in Costiera Amalfitana o a Capri? L’idea di una visita a tempo determinato potrebbe far respirare i nostri piccoli borghi e l’isola dei Faraglioni soprattutto durante la stagione estiva?

Probabilmente sì: si potrebbe adottare una soluzione come quella di Machu Picchu, ad esempio, per limitare la sosta in parcheggio di autobus ed auto per un massimo di 4 o 5 ore, così come si potrebbe adottare l’idea di Venezia di pagare un ticket che va dai 2,5 ai 10 euro che andrà a sostituire la tassa di soggiorno o di istituire dei tornelli conta turisti nelle prossimità dei porti, per evitare così il tanto temuto sovraffollamento che fa solo del male sia ai turisti con la T maiuscola che agli abitanti della Costiera Amalfitana.