A Cetara approda “Giovanna P”, il peschereccio di casa Pappalardo più veloce in Italia

E’ approdata a Cetara “Giovanna P”, l’imbarcazione da pesca varata lo scorso 8 luglio a Viareggio e definita, dal cantiere navale, la più veloce d’Italia.

Unico peschereccio a disporre della tecnologia più avanzata riconoscibile, oggi, sul mercato, con il primato di essere costruito totalmente in alluminio e fatto a catamarano.

Emozionante il suo arrivo che, come di consueto, ha visto fermare il catamarano nello specchio d’acqua dinanzi al paese, per essere accolta dal suono delle campane a gloria benaugurali e dalle sirene delle tonnare ormeggiate in porto, verso cui Giovanna P si è unita, assieme al resto della marineria di Cetara, nota in tutto il mondo per la pesca del tonno e delle alici.

Campania: da oggi vietati gli spostamenti tra province. La precisazione della Regione

La situazione epidemiologica in Campania è sempre più preoccupante e il governatore  Vincenzo De Luca ha deciso di imporre la chiusura notturna dei locali oltre che l’utilizzo dell’autocertificazione...

Una tradizione che si innova in termini di sostenibilità, tecnologia e sviluppo che rafforza ed onora l’identità di un luogo e di una storia secolare. In questo difficile periodo che il Paese sta affrontando, si può dire che Cetara sia lieta di condividere la gioia di un evento in controtendenza, che segna in modo inequivocabile la voglia di riprendere e fissare nuovi orizzonti, di investire e lanciare un nuovo messaggio di ottimismo, laddove è possibile riprendere un percorso di sviluppo e modernizzazione delle attività produttive in Italia.

“Lungimiranza e passione” è il segreto che contraddistingue il lavoro e la perseveranza della famiglia Pappalardo. La “Giovanna P” è, inoltre, capitanata dal giovanissimo Giuseppe Ferrigno di Cetara: un importante passo che segna la valorizzazione di un mestiere, quello dei giovani pescatori di Cetara, tramandato da generazioni. L’imbarcazione resterà in porto per il prossimo mese, prima di solcare le acque del Mediterraneo.

Per leggere l’articolo relativo al varo dello scorso 8 luglio basta cliccare qui.