Conca dei Marini: riaperta la statate interrotta dopo l’incendio del 22 settembre

Ha riaperto da stamattina la statale amalfitana interrotta dal 22 settembre scorso in seguito all’incendio boschivo che interessò circa 30.000 metri quadrati di macchia mediterranea minacciando la chiesa parrocchiale di Sant’Antonio a Conca dei Marini e buon parte dell’abitato sparso. Gli esiti dei disgaggi di materiale lapideo e di arbusti, nonché il buon esito delle attività ispettive condotte sul versante roccioso da parte di tecnici specializzati incaricati dal comune di Conca dei Marini hanno garantito la sicurezza per il transito veicolare che è ripreso regolarmente tra il km 24 e 25.  A comunicarlo è l’Anas che alle ore 11.15 di quest’oggi ha provveduto a riaprire al traffico il tratto di strada statale 163 “Amalfitana” interdetto alla circolazione lo scorso 22 settembre a causa della caduta di materiale sul piano viabile, in seguito ad un incendio boschivo. Come concordato dagli Enti Locali territorialmente interessati durante un tavolo tenutosi presso la Prefettura di Salerno lo scorso 28 settembre, infatti, tecnici specializzati – incaricati dal Comune di Conca dei Marini, con il supporto di quello di Furore – hanno condotto una serie di indagini ispettive in cordata sul versante roccioso coinvolto nell’incendio. In esito alle suddette operazioni di disgaggio ed alle ispezioni condotte è stato attestato lo status di sicurezza del costone e che, conseguentemente, è quindi possibile ripristinare la normale transitabilità del tratto di arteria stradale. In seguito alla comunicazione del Comune di Conca dei Marini, Anas ha quindi, tempestivamente, proceduto ad emettere un’Ordinanza di revoca della precedente (che, come richiesto dai Vigili del Fuoco di Salerno per la cessazione delle condizioni di sicurezza per la transitabilità, sanciva la chiusura della strada statale 163 “Amalfitana” tra il km 24,000 ed il km 25,000) ed a rendere nuovamente fruibile il tratto di arteria stradale sull’intera carreggiata.