L’Università di Salerno tra le 400 top al mondo per il Times e prima al Sud

Foto Fanpage Università di Salerno via Facebook

Grandissima soddisfazione per la formazione salernitana: l’università di Salerno è tra i primi 400 atenei migliori del mondo, anche per il 2018.

La notizia, pubblicata oggi sul Mattino, è davvero ottima: l’ateneo salernitano è stato ancora una volta inserito nella classifica “The Times Higher Education World University Rankings 2018”, stilata dalla Oxford University, nonchè l’elenco delle università top più importante e maggiormente riconosciuto a livello mondiale.

Non solo, l’università di Salerno è la prima ad apparire in questo elenco tra le università del Sud Italia, ed è tra i primi tredici istituti di formazioni universitaria in italiana, tra pubblici e privati.

Sita: abbonamenti gratuiti per gli studenti. Ecco il calendario dei comuni della Costiera

E' una delle novità più apprezzate di questo anno scolastico 2017/18 dalle famiglie della Campania, ovvero gli abbonamenti gratis per il trasporto pubblico. Saranno...

In particolare, ha superato, rispetto allo scorso anno, l’università della Calabria, con la quale aveva condiviso il successo nella precedente classifica, ed è al quarto posto come università migliore nell’ambita della ricerca, dopo il San Raffaele di Milano, la Libera di Bolzano e quella di Trento.

Insomma, si tratta di un altro ottimo traguardo raggiunto dopo quello del settantunesimo posto nella lista delle migliori giovani università del globo, ottenuto a Brisbane in Australia.

La classifica di Oxford è stata stilata in base a ben tredici indicatori di prestazione.

Gli indici sono stati calcolati, calibrati e poi revisionati dalla Price Waterhouse Coopers (PwC), azienda leader nei servizi professionali.

Vediamo i punteggi che l’università di Salerno ha ottenuto per i vari indicatori.

Intanto è migliorata in tutti gli indici, e il totale dei punti è di 42.3.

L’indicatore che ha ottenuto il punteggio più alto è quello delle “citations” – cioè le citazioni da parte della comunità scientifica di pubblicazioni provenienti dall’ateneo – che è pari a 87.8 punti su cento.

L’indice relativo alla ricerca aumento da 30.8 a 33.6, quindi ben 3 punti.

Stazionario l’indicatore che riguarda la sfera della tecnologia e dell’industrializzazione, l’incremento è minimo rispetto allo scorso anno, e cioè dell 0.2, infatti si passa da 39.2 a 39.4 punti. Non stupisce visto il contesto socio-economico non proprio edificante in cui l’ateneo salernitano si trova.

Il rettore Aurelio Tommasetti non ha potuto che esprimere la sua grande soddisfazione per questo risultato:

“Siamo orgogliosi di aprire l’anno accademico con questi risultati – ha dichiarato al Mattino – Numeri uno al Sud e secondi al centro-sud dopo “La Sapienza” di Roma. Ci ripaga degli sforzi compiuti finora e della scelta di perseguire lungo le nostre macrodirettrici, ovvero studente al centro dell’attenzione e qualità della ricerca”.