Turisti e ferragosto: ingressi record ed episodi di inciviltà alla Reggia di Caserta

Ancora pienone nei nostri musei e siti archeologici. Sono stati in molti quelli che hanno deciso di trascorrere il giorno di Ferragosto immersi nella cultura e il Vesuvio e i siti archeologici sono stati tra le mete preferite.

I dati del Consorzio Arte, concessionario del servizio di biglietteria, ha fatto sapere che nella sola giornata del 15 agosto, ben 3.089 visitatori si sono recati sul Cratere del Gran Cono del Vesuvio. Dopo i recenti roghi, la strada che conduce alla vetta è stata riaperta anche agli autobus fino a 10,5 metri di lunghezza il che ha favorito l’afflusso massiccio di visitatori al vulcano.

Il Vesuvio quindi rinasce. E a rinascere non è solo la vegetazione che sta tornando lentamente a crescere, ma anche il turismo. La strada che da via Vesuvio conduce al sentiero d’accesso al cratere è stata aperta solo 15 giorni fa e subito è stata presa d’assalto dai turisti nelle giornate successive con il culmine nella giornata di ieri.

Cava de’ Tirreni sacra: la chiesa di Santa Maria della Pietrasanta

La chiesa di Santa Maria della Pietrasanta, o Pietra Santa, sorge in un contesto di notevolissimo valore naturalistico, poco a valle del borgo di...

Turisti anche ai siti archeologici vesuviani. A Pompei – secondo dati della Soprintendenza – nella giornata di Ferragosto sono stati 17.300 gli accessi mentre al Parco archeologico di Ercolano sono stati 1.700 i visitatori. Visite anche al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa dove i nuclei familiari hanno potuto usufruire della promozione «famiglia».

Ad essere protagonista nel giorno dell’Assunzione anche la città di Napoli dove è stato registrato un boom di presenze di turisti con alberghi pieni e vacanzieri stranieri che hanno affollato le strade del centro.

Anche la Reggia di Caserta ha fatto registrare ieri ingressi boom ma, purtroppo, è stata anche soggetta alle scorribande di persone incivili. Probabilmente a causa del caldo, o per semplice divertimento personale, una donna si è spogliata restando solo in biancheria intima e si è tuffata nella fontana di Diana e Atteone. La foto ha prodotto grande indignazione negli internauti che si sono chiesti quanti efficaci siano i controlli all’interno del monumento.

Nonostante questo aspetto negativo, ancora una volta i turisti hanno scelto di trascorrere una giornata di festa nella nostra splendida regione rendendo omaggio al nostro patrimonio storico – artistico.