Terremoto di magnitudo 2.3 nelle acque del Tirreno. Ecco dov’è stato localizzato

I sismografi dell’istituto nazionale geofisica e vulcanologia hanno registrato una scossa di terremoto, di magnutudo 2.3 nelle acque del mar Tirreno. Per la precisione  coordinate geografiche (lat, lon) 39.43, 15.78 ad una profondità di 223 km.

Considerando anche la grande profondità del movimento sismico, gli abitanti delle coste calabresi non si sono accorti di nulla e il terremoto marino non ha provocato danni a persone o cose.

L’italia è in un periodo di forte instabilità ed episodi di questo genere si ripetono, purtroppo, molto di frequente. Poco più di un mese fa, infatti, sempre nel Mar Tirreno sono state segnalate ben 2 scosse di terremoto.

Con coordinate geografiche (lat, lon) 39.02, le scosse sono state registrate alle ore 14.37 e 14.47 ad una profondità rispettivamente di 10 km e  27km, con magnitudo 2.5 e 3.4 nel cuore del Mar Mediterraneo.

Fortunatamente vista la distanza dalle coste calabresi nessuno si è accorto dell’evento sismico che conseguentemente non ha provocato danni a persone o cose.

Negli ultimi mesi in Campania sono stati registrate diverse scosse di terremoto, tutte di lieve entità.

Una situazione di instabilità che ha fatto registrare nelle ultime settimane in Campania diverse scosse, anche se tutte di lieve entità. Nei primissimi giorni di febbraio una lieve scossa di magnitudo 2.1, è stata registrata in provincia di Avellino, ad una profondità di 3 chilometri, senza però provocare danni a persone o cose.

Poco più di due mese fa, invece, nel Tirreno Meridionale, ad una profondità di 5 chilometri, un lieve tremore della terra che pare sia stato avvertito da alcuni cittadini di Capri. Infatti l’epicentro è stato individuato ad appena 12 chilometri da dall’isola azzurra.