Sapori e piaceri della Campania: venerdì esce la nuova guida di Repubblica

E’ attesa per venerdì 21 luglio nelle edicole e nelle librerie di tutta Italia la nuova Guida di Repubblica dedicata ai sapori e ai piaceri della Campania.

Quella di Repubblica è molto più che una semplice guida, ma una vera e propria Bibbia del mondo dell’enogastronomia di Napoli e le sue isole, di Salerno, Caserta, Benevento ed Avellino.

La guida di Repubblica è dunque uno strumento utile per scegliere i luoghi dove vivere un’esperienza culinaria unica nel suo genere. Attraverso 765 indirizzi ( 355 nuove voci rispetto alla scorsa edizione) il lettore potrà scegliere tra pizzerie e ristoranti sparsi in tutti la nostra regione.

Costa d’Amalfi, accusa malore mentre passeggia: era infarto. Ricoverato in eliambulanza

È giunto al presidio Costa d’Amalfi lamentando un malore che avrebbe accusato mentre passeggiava sul lungomare con un amico. E pare sia stato proprio...

Nella nuova edizione della guida sarà poi presente anche una nuova sezione dedicata alle “dimore di charme” con ben 89 strutture consigliate su dove passare la notte.Un focus a parte spetta alle tre isole del napoletano, alla Costa d’Amalfi e a quella Sorrentina.

Un’altra sezione è dedicata ai Caffè e alle Pasticcerie mentre trova un altro importante posto nella guida lo Street Food. Ancora sono segnalati 21 Pastifici, 224 Botteghe del Gusto e 68 produttori di vino.

Ad accompagnare i lettori tra le pagine della guida di Repubblica anche alcuni ciceroni d’eccezione come Renzo Arbore e la sua intervista di dodici pagine in cui racconta del suo passato tra Ischia ed Amalfi tra pizze fritte e colazioni al bar che la rendono un vero e proprio inno alla cucina napoletana.

Oltre Renzo Arbore, tra le pagine della guida compaiono i racconti di Lina Sastri ed Erri De Luca, Serena Autieri e Giobbe Covatta, Diego De Silva e Giuliana De Sio, Iaia Forte, Vincenzo Salemme e Marisa Laurito.

Un’altra sezione della guida è dedicata infine ai riti e ai miti della nostra regione che si traducono nei “Piatti della Memoria”. E allora spazio alle ricette più famose della Campania, dalla pizza di scarole al polpettone napoletano, tutte rigorosamente raccontate da mamme e nonne e da 46 tra i più importanti chef della regione.

Quanto ai miti, una sezione ad hoc – gli “Itinerari del mito” – parte da leggende e storie antiche per suggerire percorsi culinari che tocchino luoghi di interesse storico e naturalistico.