Salerno: sottraeva farmaci e alimenti dal Pronto Soccorso del Ruggi, denunciato infermiere

E’ accusato di di peculato per aver sottratto farmaci e generi alimentari dal sronto soccorso del Ruggi di Salerno. Si tratta di un infermiere di 55 anni denunciato ieri dagli agenti della Polizia di Stato appartenenti al commissariato di Torrione e in servizio presso il drappello dell’Ospedale S. Giovanni di Dio e Ruggi di Aragona.

L’uomo, in servizio presso la struttura ospedaliera, è ritenuto responsabile del reato di peculato ed è stato deferito all’Autorità giudiziaria, in stato di libertà, dopo essere stato individuato quale presunto responsabile della sparizione di farmaci e generi alimentari quali latte, fette biscottate, succhi ecc., destinati ai degenti del pronto soccorso.

Un fenomeno su cui da tempo stavano indagando i poliziotti del drappello ospedaliero dopo che era stato notato come, a fronte dei circa 15 – 20 degenti di pronto soccorso, in diverse circostanze venivano richiesti più del doppio delle colazioni. Ciò ha ingenerato il sospetto che la metà circa degli alimenti potesse essere asportata per fini illeciti.

E così nella mattinata di ieri, una poliziotta in servizio presso l’Ufficio di Polizia dell’Ospedale, nel transitare nel corridoio riservato al personale medico e paramedico, ha incrociato un infermiere, poi identificato per un 55enne, il quale trasportava una borsa in cellophane che conteneva beni di consumo.

L’agente ha bloccato l’infermiere facendogli vuotare la busta dal cui interno sono usciti oltre che agli alimenti, anche due confezioni di farmaci che riportavano la dicitura “Confezione Ospedaliera”.

La poliziotta dopo aver accertato che tali medicinali erano stati prelevati da un carrello chirurgico, ha eseguito la perquisizione dell’armadio dell’infermiere trovando un accesso venoso e tre fiale di antidolorifico, anche questi ritenuti illecitamente detenuti. Il 55enne, per questo è stato denunciato a piede libero per peculato ed i farmaci, insieme ai generi alimentari, sono stati restituiti al Pronto Soccorso.

LASCIA UN COMMENTO