Salerno: i sindacati chiedono 700 assunzioni all’ospedale Ruggi d’Aragona

Almeno 700 assunzioni per evitare di far chiudere in estate molti posti letto e ingolfare ancora di più il pronto soccorso. Lo ha chiesto la Fp Cgil, nel corso dell’incontro di ieri mattina nell’aula sindacale, invocando un piano urgente di assunzioni e la conferma dei reclutamenti già programmati, ma non ancora deliberati al Ruggi.

E per questo è stata anche preannunciata una manifestazione provinciale a difesa dell’assistenza sanitaria se non dovessero giungere risposte. Lo riferisce il quotidiano il Mattino, secondo cui, nel corso dell’incontro è stata posta anche l’attenzione sul possibile rischio di un aumento dei posti letto da accorpare in concomitanza delle ferie del personale rispetto alla scorsa estate.

Per questo i sindacati hanno chiesto al ministro di uscire dalla stagione del commissariamento e dei tagli lineari. Dopo aver risolto il problema della sistemazione dei primari, ora bisogna adeguare il personale ai posti letto», sostiene il segretario generale della Fp, Angelo De Angelis.

Ravello: finisce in Procura il contenzioso tra Villa Cimbrone e Ausino

Finisce in Procura il contenzioso tra la storica struttura di villa Cimbrone e la società Ausino, gestore del servizio idrico, fognario e di depurazione...

Ad essere in sofferenza ci sarebbero l’ortotraumatologia, la medicina generale e d’urgenza, l’osservazione breve intensiva, la riabilitazione. Ma anche i presidi annessi. Come aqppunto quello di Castiglione di Ravello dove dal 10 aprile scorso sono stati ripristinati alcuni servizi.

Stando a quanto si apprende, per quanto riguarda gli operatori socio-sanitari, ne erano previsti 8, ma ne sono stati deliberati 3. «Ne servirebbero 220 – a detto a Il Mattino Margaret Cittadino, Rsu della Cgil – Di infermieri, invece, circa 300».

Per questo i sindacati invocano un di un piano urgente di assunzioni. «Sono state chieste anche dalle direzioni sanitarie di presidio – aggiunto la Cittadino – La carenza, per l’estate, potrebbe far chiudere molti posti letto e ingolfare ancora di più i pronto soccorso».