Saldi Salerno: traffico in tilt e centri commerciali presi d’assalto

Quella di ieri è stata la prima domenica di saldi , Salerno è stata quindi presa d’assalto dalle tantissime persone alla ricerca di offerte per fare acquisti. I centri commerciali del capoluogo salernitano sono stati presi di mira, creando ovviamente problematiche alla circolazione.

Nel pomeriggio di ieri la strada che conduce al nuovo mega store, “Le Cotoniere“, è diventata un vero e proprio imbuto. Centinaia le auto bloccate in coda, vista la congestione del traffico, in particolar modo nella zona di Fratte.

Il nuovo centro commerciale è stato al centro di molte polemiche proprio perchè la grande affluenza delle ultime settimane ha portato a ripetersi più volte lo scenario creatosi ieri.

In tv stasera: tutti i programmi in prima serata su Rai, Mediaset, La7 e...

Ecco cosa daranno in tv stasera Giovedì 22 Febbraio. Dalla nuova stagione della fiction Don Matteo 11, passando per gli Ottavi di finale della Champions...

A partire dal giorno dell’inaugurazione, quando, un serpentone di macchine parcheggiate a ridosso di case e negozi, lungo i marciapiedi e ai piedi della chiesetta di Santa Maria dei Greci, crearono enormi disagi.

Tantissime le auto in coda che hanno atteso diversi minuti prima di poter entrare nei parcheggi del centro commerciale. I 2750 posti auto, però, non bastano. Vetture e passeggeri provenienti da tutta la provincia per poter godere dei saldi . Salerno si è fatta trovare impreparata e i tantissimi che avevano immaginato una domenica di relax si sono dovuti ricredere.

Presi d’assalto anche altri centri commerciali, anche se non sono stati registrati i disagi che hanno caratterizzato la giornata di ieri alle Cotoniere. In provincia anche l’Ikea è stato letteralmente invaso dai clienti che hanno cercato di trovare l’offerta giusta, ma fortunatamente la situazione viabilità è rimasta sotto controllo.

Per quanto concerne Fratte è necessario trovare una soluzione, visto che le continue code e gli incolonnamenti delle auto hanno fatto registrare a più riprese anche un problema legato allo smog. Le colonnine di rilevamento in zona hanno segnalato un numero di sforamento del livello delle polveri sottili decisamente superiore a quanto consentito.