Referendum Monarchia – Repubblica del 1946. Ecco come votò la Costiera

di Donato Sarno – Come tutti ben ricordano, settanta anni, e precisamente il 2 giugno 1946, la popolazione fu chiamata a scegliere tra monarchia e repubblica con apposito referendum, a cui parteciparono anche le donne. E’ noto che vinse, ma di poco, la repubblica e che le preferenze degli Italiani furono diverse per regioni geografiche: al Nord ed al Centro (Lazio escluso) la maggioranza votò per la repubblica, mentre nelle restanti regioni la maggioranza votò per la monarchia, che proprio in Campania ottenne il più alto numero di consensi, pari al 79%.

Ma quali furono gli esiti precisi del referendum del 1946 nei singoli Comuni della Costiera Amalfitana? A tale domanda fornisce risposta una pubblicazione di difficile reperibilità, realizzata dall’Istituto Teano di Cultura Verona – Milano (Italia 1946 fra monarchia e repubblica, Edizioni ETC 2005) sulla base dei dati ufficiali del Ministero dell’Interno e segnalata dal dott. Crescenzo Paolo Di Martino, valente studioso ed archivista.

Ecco dunque i risultati di quel referendum del 1946, tratti dalla suddetta pubblicazione, distinti per singoli Comuni della Costiera in ordine alfabetico. Per i Comuni di Scala e Furore mancano i dati, in quanto inclusi, rispettivamente, in quelli di Ravello e di Conca dei Marini, a cui allora essi erano ancora accorpati.

Fuochi di San Matteo a Salerno: ecco il video per chi se li è...

La Festa patronale a Salerno, tenutasi ieri 21 Settembre, si è conclusa finalmente con i tanto attesi fuochi di San Matteo. Lo spettacolo pirotecnico si...

Sono dati che è sicuramente opportuno e doveroso riportare, anche a ricordo di quanti, vivi o defunti, vi presero parte, e che si prestano a futuri approfondimenti ed analisi.

COMUNI

REPUBBLICA

MONARCHIA

VOTI NON VALIDI

AGEROLA

378 voti (13,29%)

2.466   voti (86,71%)

207

AMALFI

677 voti (20,56%)

2.616 voti (79,44%)

103

ATRANI

90 voti (15,25%)

500 voti (84,75%)

6

CETARA

130 voti (12,45%) 914 voti (87,55%)

69

CONCA DEI MARINI

27 voti (3,98%)

652 voti (96,02%)

25

MAIORI

354 voti (14,75%)

2.046 voti (85,25%)

125

MINORI

301 voti (21,71%)

1.121 voti (78,83%)

66

POSITANO

58 voti (5,5%)

996 voti (94,5%)

33

PRAIANO

36 voti (4,3%)

802 voti (95,7%)

24

RAVELLO

126 voti (8,19%)

1.412 voti (91,81%)

68

TRAMONTI

208 voti (7,81%)

2.456   voti (92,19%)

133

VIETRI SUL MARE 1.898 voti (36,66%) 3.279 voti (63,34%)

277

Dai dati sopra riportati risulta chiaramente che la Costiera Amalfitana espresse una nettissima preferenza per la monarchia, superiore anche alla media riscontrata in Campania e nella Provincia di Salerno, con la sola eccezione di Vietri sul Mare, dove i voti per la repubblica, pur minoritari, furono in numero più elevato (36,66%).Il Comune più monarchico di tutti fu Conca dei Marini, seguito da Praiano, Positano, Tramonti e Ravello (tutti con voti per la monarchia superiori al 90%); nei restanti Comuni i voti per la monarchia furono in media intorno all’85% e solo a Minori ed Amalfi leggermente più bassi (circa il 79%).