A Ravello il giardino del perlage. Tra Caruso e Ferrari una «frizzante» joint-venture

Un giardino, tra i più belli della Costiera, in cui trovare il giusto relax tra bollicine italiane, eccellenze campane e intrattenimento musicale. E’ stato realizzato dal Grand Hotel Caruso di Ravello lungo il viale che conduce alla spettacolare piscina a sfioro.

Gli inglesi lo chiamano Bubble Garden. Ovvero il giardino delle bolle. O per meglio dire delle bollicine. Una locuzione anglofona che ha finito per contaminare inesorabilmente il gergo nostrano. Ma nella fattispecie si tratta dell’unica digressione extranazionale in questa iniziativa di gran classe.

Atrani, domenica la celebrazione del Patrocinio di Santa Maria Maddalena

Atrani si prepara da oggi a festeggiare la sua Santa Protettrice. Come è usanza da anni, la penultima domenica del mese di ottobre è...

Già, perché è il meglio della tradizione italiana a tenere banco in quest’angolo di paradiso. A cominciare proprio dalle bollicine rigorosamente del Trentino. Sono quelle Ferrari, cantina fondata nel 1902 a Trento da Giulio Ferrari, e il cui perlage è da sempre il brindisi italiano per eccellenza.

La scorsa sera, in un’atmosfera raffinata ed esclusiva, lo staff del Caruso, coordinato dal direttore generale Franco Girasoli, ha inaugurato il nuovo angolo del perlage, immerso nella meravigliosa oasi mediterranea dell’Hotel. Tra gli ospiti giornalisti, blogger, direttori dei principali hotel della Costiera, tour operator.

Nei salottini allestiti nel nuovo Bubble Garden anche Salvatore Calabrese, The Maestro, uno dei più noti barman al mondo e originario prorio della Costiera Amalfitana. A fare gli onori di casa le pr Antonella e Iolanda, che qualche giorno più tardi ha dato alla luce il suo splendido bimbo. Sono state loro, insieme al direttore Girasoli, a introdurre gli ospiti in un ambiente straordinariamente esclusivo dove tutto è stato curato nei minimi particolari. Persino le candele hanno trovato dimora nelle bolle, tutte in vetro e calate dai rami degli alberi che popolano quell’angolo di giardino rivitalizzato con perlage e suggestioni.

Qui gli head barman, Danilo Imbimbo e Tommaso Manzi, insieme con il loro staff, hanno proposto agli ospiti le etichette storiche della cantina trentina. E continueranno a farlo con i clienti dell’hotel e i visitatori a 5 stelle anche attraverso vecchie annate. Rigorosamente accompagnate da stuzzicanti proposte gastronomiche del territorio.

Tante, e tutte non solo di straordinario impatto visivo, quelle presentate la scorsa sera dall’executive chef Mimmo di Raffaele, che ha realizzato una serie infinita di appetizer: dai gamberi in pastella, al dadino di maialino nero con trancio di gamberone. Dal boccone di tartare di tonno alla pizza con i fichi e il pecorino. Fino ad arrivare alle ostriche con sorbetto al limone e al gelato di fois gras.

Attrattiva della serata è stata la Belmond Post Card, una parete fucsia, collocata all’ingresso del viale, puntellata di tanti esemplari di Ferrari e destinata non solo agli amanti del selfie e dello scatto d’autore. Ma anche ai tanti che hanno voluto suggellare con un fotogramma una serata memorabile.

Il nuovo Bubbles Garden del Caruso non solo va ad ampliare l’offerta di ristorazione dell’hotel proponendosi come conviviale preludio ad una cena gourmet al ristorante Belvedere, ma rappresenta complessivamente un’insolita e interessante esperienza eat & drink. Da vivere, non solo da provare. Sempre in ottima compagnia. Gnamm