Ravello Capitale della Cultura 2020: è partita la campagna social. Ecco come partecipare

La candidatura di Ravello Capitale della Cultura 2020 è un impegno che sta richiedendo l’ausilio di tutti i comuni della Divina. Un’iniziativa importante e prestigiosa, che qualora dovesse riuscire a superare l’agguerrita concorrenza delle altre città italiane, darebbe ancora maggiore lustro a questa meravigliosa terra.

Per dare ancora maggiore spinta alla candidatura di Ravello Costa d’Amalfi Capitale della Cultura 2020, in questi giorni ha preso il via anche la campagna social. Sul profilo facebook dedicata all’iniziativa è comparsa la richiesta di collaborazione del popolo del web, con un titolo tanto semplice quanto esplicativo:”Per chi ama la Costiera Amalfitana… senza se e senza ma”.

Sono disponibile diversi modi per poter sostenere la candidatura della Divina come Capitale della Cultura 2020: adottare il logo ell’iniziativa come immagine del profilo. Condividere e veicolare l’immagine che vi proponiamo di seguiro (logo della candidatura) in ogni modo per renderlo più visibile e quanto mai familiare.

Salerno: al via i Concerti in Luci d’Artista, ecco il programma

La rassegna musicale Concerti in Luci d'Artista è giunta a Salerno alla sua terza edizione, e non è altro che la versione invernale dell'appuntamento...

Sarà possibile, inoltre, proporre le proprie idee tramite la pagina facebook dedicata. Condividere anche le immagini inedite della nostra meravigliosa Costiera Amalfitana, ovviamente cercando di coinvolgere il maggior numero di amici possibile.

Si tratta di un’importante campagna per avvicinare anche il popolo di facebook a quella che può essere un volano importante non solo per Ravello ma anche per tutta la Costa d’Amalfi.

Intanto nei giorni scorsi è stato presentato Decatessemeron, questo il nome scelto per le 60 cartelle esplicative del dossier di candidatura di Ravello Costa d’Amalfi a Capitale della Cultura 2020. In estrema sintesi: 14 Comuni per 100 idee racchiuse nel concept presentato nel giorni scorsi nell’Auditorium di Villa Rufolo dal Sindaco di Ravello, Salvatore Di Martino, dai primi cittadini di tutti gli altri paesi della Costiera, dal responsabile del progetto Secondo Amalfitano.