Racconti cavesi di un tempo che fu: la storia del cane e del gatto

Anche Cava de’ Tirreni ha il suo repertorio di narrazioni, detti e leggende… Andiamo a vedere uno dei racconti cavesi che una volta si dicevano ai bambini.

La favola è quella ha come protagonista un cane e un gatto, ed è rigorosamente in dialetto cavese.

Sapete perché quando un cane vede un gatto vuole rincorrerlo, e perché i gatti vogliono mangiare i topi?

Costa d’Amalfi in rimonta: finisce 1-1 con l’Agropoli di De Cesare. A Maiori anche...

E' termina in parità al San Martino di Maiori la gara tra il Costa d’Amalfi e l'Agropoli guidato da Ciro De Cesare, l'ex attaccante...

Questa piccola favoletta ne dà proprio la spiegazione.

Tantu tiempo fa ‘e cane tenevano nu’ strumiento ( maie nisciuno hè potuto sapè comme l’ avessero avuto ) addò steva scritto che in occasione ‘e ogne festa, presentanno ‘stu strumiento ai macellare chist’ ‘nc’ avevano rà tutte l’ osse ca tenevano.

Nu juorno ‘e jatte vulòettero fa ‘na festa ma siccome nun tenevano sorde pe’ s’ accattà quacche cosa ra mangià o rre jett’ ‘nt ‘ai cane e lle dicette: “Nuie avessimo bisogno pe’ nu poco ‘e tiempo ru strumiento ca tenite, nc’ ‘o vulite ‘mpretsà ?

Ma che nne facite – respunnettee ‘o rre ‘re cane.

‘A famme è troppa…Nc’ accuntentammo pure ‘e rusecà !

Quanno è chesto tenite… Però statel’ attiento… E’ ‘na cosa troppo preziosa pe’ nnuie…

E jatte tutte cuntente currettero ‘nt ‘au macellaro e se facettero n’ abbuffata comme nun s’ ‘a facevano ra tant’ anne.

A festa riuscette bbona…’O vino pure era bbuono…Troppo bbuono tanto ca ‘a fine ‘mbriache se scurdareno ru’ strumiento…

L’ avevano miso ‘int ‘a nu pertuso pe’ ppaura ru perdere e llà rimanette pe’ paricchie juorne…Troppe juorne…Nu sùrece nun avenno che magnà jett ‘a ruseca propeto avvecin’ ‘o strumiento.

Nu bellu juorno arrivaie ‘o rre re cane: Nun ve pare ca è ora ca me turnate ‘o strumiento ?

Sule’ ‘n’ autre mumento he^nno juto a lu piglià.

‘A furtuna vulette che ‘e gguardie ‘o truvareno e subbeto ‘o purtareno ‘nt’ ‘o rre.

O cane e ‘a jatta se dettero ‘a mano e se salutareno.

E cane doppo quacche juorno organizzareno ‘na grossa festa.

Pigliereno ‘o strumiento e ghiettero ‘nt’ ‘o macellaro. Chisto doppo ca liggette ‘o strumiento, pigliaie ‘na mazza e bbunghete e bbanghete, mazzat’ ‘a cecate.

Quanno turnareno ‘a casa, e cane alleccannese ‘e fferite araprettero ‘o strumiento e leggettero: “date….ai cane”.Nce mancav’ ‘o piezzo addò steva scritto ” ll’ ossa”.

O macellaro liggenne “Date….ai cane” veramente nc’ ‘e ddette !

E cane senza leggere e scrivere, currettero ‘nt’ ‘e ggatte e…muorze in quantità.

Da chillu juorno, sempre pensann’ ‘o strumiento strazzato, comme nu cane vede a ‘na jatta nun po’ ffa a meno ru correre appriesso e guaie si l’ acchiappe !

E ‘e ggatte ? E puverelle capettero chi aveva cumbinato ‘o ‘mbruoglio !

E da chillu juorno comme vedeno nu sorece tanto se fermano quanno l’ hanno acchiappato…Nu muorzo e statte bbuono sorece…

(Fonte: Mmesca Cavajola)

Presto uscirà un altro post sui racconti cavesi, quindi stay tuned!