Punta Campanella, termina il settimo corso di Biologia nell’area marina protetta

E’ giunto al termine il settimo corso di Biologia Marina tenutosi a Massa Lubrense riguardo il Parco Marino di Punta Campanella.

Laboratori, ricerca e immersioni alla scoperta della biodiversità del Parco sono state le parole chiave della sei giorni di studi organizzato dall’Area Marina Protetta in collaborazione con l’Università Parthenope di Napoli e con alcuni diving del territorio.

I sedici corsisti, che hanno partecipato a lezioni teoriche in aula, laboratori di ricerca e immersioni per monitorare e individuare gli organismi marini, sono stati seguiti dal personale del Parco, da guide esperte del Diving Nettuno e da quattro docenti universitari.

E’ boom di export di Mozzarella di bufala Dop: nel 2017 guadagnati 40 miliardi...

L’esportazione di mozzarella di bufala campana Dop continua a volare alto raggiungendo numeri da capogiro. Come rivelano i dati elaborati dal Consorzio di Tutela, dal...

Gli studenti hanno studiato e appreso nozioni di biogeografia ecologia marina, tecniche di rilevamento subacqueo, analisi dei campioni e si sono cimentati anche in una lezione di introduzione alla fotografia subacquea con il rilascio del brevetto PADI di fotografia digitale.

Al termine delle lezioni, curate dai professori Giovanni Fulvio Russo e Roberto Sandulli dell’Università Parthenope di Napoli e da Guido Villani dell’Istituto di Chimica Biomolecolare del CNR di Pozzuoli, ai raggi partecipanti è stato rilasciato un attestato di partecipazione valido per l’acquisizione di crediti formativi universitari.

Ad arricchire il programma anche altri due docenti: Giorgio Boudillon e Salvatore Troisi per i seminari di approfondimento su oceanografia e fotogrammetria subacquea.

Durante i sei giorni non c’è stata solo didattica ed esperienze pratiche ma anche serate a tema, come quella con Marco Gargiulo, bravissimo fotosub sorrentino, che ha mostrato i suoi scatti e svelato i segreti dei fondali sorrentini.

“La nostra è un’iniziativa che portiamo avanti da anni e cha ha duplice valenza: formativa ma anche ricreativa – ha dichiarato Antonino Miccio, direttore dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella-.  Riusciamo, grazie a docenti qualificati, ad offrire conoscenze e competenze pratiche a futuri biologi o oceanografi ma allo stesso tempo promuoviamo il nostro territorio e il nostro splendido mare, ricco di vita”.

E intanto l’appuntamento è già fissato per l’estate prossima con l’ottavo corso di Biologia marina.