Ncc irregolari in Costiera Amalfitana: blitz dei vigili di Ravello, 4 veicoli bloccati

Operazione legalità contro le attività di noleggio con conducente non autorizzate. E’ scattata in Costiera Amalfitana dove gli agenti della polizia municipale stanno controllando licenze e autoveicoli che transitano sulla zona con a bordo coppie di turisti o talvolta intere famiglie.

E gli effetti della stretta sono nei numeri dei cosiddetti abusivi. In particolare a Ravello dove finora sono almeno quattro le autovetture sottoposte a fermo amministrativo in quanto non sarebbero risultate autorizzate all’attività di noleggio con conducente.

Il numero, nella città della musica, potrebbe essere destinato ad aumentare in quanto è in corso una attenta indagine avviata dopo che gli agenti hanno verificato anche qualche autovettura con targa straniera. Comunque sia, i controlli sono scattati dopo un regolare invito formulato dai vigili urbani agli autisti, tutti a quanto pare in regola con i requisiti richiesti per questo genere di servizio, a spostare le auto che si trovavano in sosta in una zona non consentita.

Positano rinasce: il danni del maltempo sono già solo un ricordo

E’ passata appena una settimana dalla bomba d’acqua che lo scorso 6 novembre ha letteralmente messo in ginocchio Positano che il paese della Costiera...

Da qui è iniziata la verifica da cui sarebbe emerso che le vetture non erano autorizzate al noleggio con conducente. E così oltre alla sanzione amministrativa è scattato il fermo del veicolo. A disporre i controlli è stato il comandante della polizia municipale Giuseppe Capuano, che ha assunto l’incarico a scavalco presso gli uffici di Ravello dopo il trasferimento a Montecorvino del capitano Biagio Cipolletta avvenuto a inizio giugno.

E a quanto pare la situazione potrebbe evolvere a seguito di una indagine tuttora in corso. Comunque sia la stretta è scattata in seguito all’invasione giornaliera dei mezzi a noleggio che hanno in Positano, Amalfi e Ravello le mete maggiormente frequentate. Un’attività che potrebbe interessare anche quelle licenze rilasciate in altri comuni della Campania ma che vedrebbero alcuni mezzi stazionare, negli orari di inattività, lontano dai luoghi in cui è ubicata l’autorimessa.