È il dolce di Natale più amato insieme a torroncini, roccocò, mostaccioli e esse di miele. Parliamo del panettone, autentico simbolo delle festività insieme agli altri prodotti della tradizione napoletana. Un must che non può mancare sulle tavola imbandite in questi giorni festa. Ma la vera differenza rispetto alle linee commerciali della grande distribuzione la fanno artigianalità, originalità e scelta delle materie prime. Tra i tanti sorprende quello della Pasticceria Savoia di Amalfi che si propone al palato con la sua spettacolare morbidezza entusiasmando chi ama la tradizione e chi vuole deliziarsi con qualcosa di originale. Quello alle noci ed fichi bianchi del Cilento, appena tagliato, appare come uno scrigno che arricchisce la ricetta tradizionale. Oltre a proporsi per quel matrimonio di gusto tra eccellenze della nostra terra. 

panettone-fichi-noci-03

La selezioni di panettoni della dell’antica dolceria amalfitana si arricchisce di diverse variazioni. Nel panettone al limone della Costiera Amalfitana, ad esempio, convivono, il gusto classico della tradizione natalizia con il profumo e i sapori delle scorzette di limone. Il tutto impreziosito da una farcitura di crema allo sfusato. Ci sono poi il panettone al Cioccolato, quello rigorosamente classico, il panettone mandorlato, quello alle amarene e al cioccolato. Infine, il panettone Savoia, frutto di una ricetta originale che rende omaggio alle mandorle e al gusto delle paste secche. L’impasto di questo morbido lievitato è profumato di mandorla e all’interno si trovano amaretti sbriciolati misti a gocce di cioccolato fondente.

Salerno, è arrivato il giorno di San Matteo: ecco il programma della festa

Finalmente a Salerno si è giunti anche quest'anno alla mitica Festa di San Matteo, con i suoi riti e le sue tradizioni. Come anticipato già...

savoia dolci

In quel regno di bontà, ubicato all’angolo dell’ingresso di piazza Duomo ad Amalfi, la terza generazione della famiglia Amatruda ha raccolto la sfida di far convivere una tradizione centenaria con le esigenze di un’imprenditorialità giovane e ricca di innovazione.

Oggi, Carolina e Sara, propongono ancora i grandi classici della pasticceria napoletana, utilizzando le antiche ricette di famiglia. Come ad esempio il Susamiello, com’è chiamato a Napoli. Ovvero quel biscotto realizzato con miele e scorza d’arancia candita e profumato con la cannella. Oppure i mostaccioli, proposti sia nella tradizionale versione a biscotto che in quella con ripieno morbido e profumato al rum. Tra i grandi classici del Natale la Frutta martorana (è una riproduzione fedele di frutta e ortaggi utilizzando solo pasta di mandorla e zucchero), i roccocò la cui origine è molto antica perché veniva preparato nei conventi gia a partire dal XIV secolo proprio in occasione delle feste natalizie, e la dolcezza del croccante torroncino alle mandorle ricoperto da un morbido strato di cioccolato. È questo il Natale delle tradizioni. Un Natale di arte pasticciera targato Savoia.