A Napoli nasce il Konosfoglia, la sfogliatella che diventa gelato

E’ una delle novità e delle curiosità più buone e gustose di questa estate create a Napoli. Si tratta della Konosfoglia, ovvero la classica sfogliatella che diventa gelato. Si tratta di un’idea estremamente originale, coniugare una delle bontà tipiche del capoluogo partenopeo con il gelato, uno dei prodotti più consumati nel periodo estivo.

In buona sostanza la buonissima sfogliatella, simbolo di Napoli, doventa una sorta di cono dove inserire il gelato artigianale e potersi sbizzarrire con tutti i gusti le glasse e le tantissime alternative possibili.

Si tratta di un’idea di Antonio Ferrieri, fondatore della pasticceria Cuori di Sfogliatella in Piazza Garibaldi, che mostra la grande arte pasticciera e soprattutto l’infinita fantasia napoletana.

Maiori Music Festival: domani sera appuntamento con il concerto “Una tuba per tutti”

Entra nel vivo la II edizione del Maiori Music Festival Christmas, il percorso di musica, arte, danza e recitazione che coinvolge artisti di fama...

Come detto il Konosfoglia viene servito, in un cono formato di sfogliatella, con un gelato ovviamente alla sfogliatella ma che è possibile guarnire con diverse creme: pistacchio, cioccolato bianco, gianduia, nocciola, cocco.

Per creare una buonissima combinazione, è possibile inoltre integrare il konosfoglia con una serie di granelle, che daranno ancora più colore e sapore all’originalissimo gelato.

Ma quello della sfogliatella insieme al gelato non è una novità assoluta. “La Sig.ra SantaRosa e il Sig. Gelato!” è stato, infatti, il tema della V edizione del Concorso Gastronomico Nazionale “SantarosaConcaFestival”.

L’obiettivo era quello di riuscire a creare un connubbio quanto meno insolito, sposando tra di loro e in modo originale, elementi generalmente opposti: caldo e freddo, croccante e morbido, femminile e maschile.

A vincere il titolo è stato Giuseppe Manilia, membro dell’Accademia Maestri Pasticcieri Italiani e titolare della pluri-premiata pasticceria Orchidea a Montesano sulla Marcellana.