Napoli, nasce il primo hub antiterrorismo per il Sud Italia. Sarà inaugurato il 5 settembre

A Napoli nasce il primo hub antiterrorismo per il Sud Italia. A darne la notizia su Twitter è il ministro degli Esteri Angelino Alfano dopo il suo incontro con il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg a margine della 38esima edizione del Meeting di Rimini.

Il centro per l’intelligence partirà il 5 settembre con un’inaugurazione, proprio al centro Nato del Lago Patria e sarà guidato da un generale dell’esercito italiano. L’hub servirà alle politiche di sicurezza del Mediterraneo ed è stato appoggiato, nella sua realizzazione dalla Nato.

“Un hub per il Sud a Napoli è il passo giusto per rafforzare la nostra capacità di deterrenza e difesa – ha dichiarato il ministro Alfano- . Tutto questo, però, ha bisogno però di un affiancamento europeo. Il motto da seguire è aderire alla Nato e costruire l’Europa”.

Costiera Amalfitana: il veliero Royal Clipper nelle acque di Positano

Un meraviglioso veliero ha solcato nei giorni scorsi le acque di Positano, si tratta del Royal Clipper., ad oggi è il più veloce al mondo l'unico...

Lo stesso ammiraglio Michelle Howard, Comandante del «JFC Naples» (Comando Interforze Nato di Napoli), ha illustrato i futuri compiti dell’ Hub.  L’ Hub si prefigge di mettere a disposizione della Nato un centro di raccolta e condivisione di informazioni che facilitino la comprensione dell’ambiente e permettano di prendere decisioni fondate su informazioni circostanziate in tempi rapidi.

Tra gli altri compito dell’hub c’è l’ analisi di una serie di questioni per includere la destabilizzazione, il potenziale terrorismo, la radicalizzazione, la migrazione e le preoccupazioni ambientali. Il nuovo centro si concentrerà sulle regioni meridionali per includere il Medio Oriente, il Nord Africa e il Sahel, l’Africa subsahariana e le aree adiacenti le acque e lo spazio aereo.

Gli atti di terrorismo che stanno sconvolgendo l’Europa non sono prevedibili se non con un’opera di cooperazione globale che al momento sembra essere l’unico anello debole.“La sfida della sicurezza globale – ha dichiarato Alfano – ciascuno la può affrontare dal suo punto di vista, sapendo che ancora una volta per riaffermare la nostra libertà dobbiamo riaffermare il nostro diritto a non aver paura e che per realizzare questo desiderio serve lo sforzo di tutti”.