Napoli: al museo di Capodimonte arriva la più grande tela di Picasso

Questa mattina al museo di Capodimonte di Napoli é arrivata la tela più grande mai dipinta da Pablo Picasso ovvero “Parade”. La pittura di Pablo Picasso è lunga 17 metri e alta 11 e vede rappresentati al suo interno pagliacci, ballerine e animali che danno vita ad un particolarissimo circo.

Proprio per le grandi dimensioni l’opera é stata esposta raramente. Oltre che nel museo di Napoli Parade sarà esposta anche nel sito archeologico di Pompei, nel Teatro Grande degli Scavi.

Il grande quadro sarà esposto dall’8 aprile al 10 luglio nelle sale dell’Appartamento Reale nella mostra «Picasso e Napoli – Parade», curata dal direttore Sylvain Bellenger e dallo storico dell’arte Luigi Gallo.

Brandon Beemer in Costiera. Il protagonista di Beautiful in vacanza nella Divina

Continua la sfilata di star del mondo del cinema internazionale in Costiera Amalfitana. Nei giorni scorsi ha fatto visita alla divina uno dei protagonisti del...

In questo 2017 ricorre infatti il centesimo anniversario della visita di Pablo Picasso in italia, mentre era al lavoro sul balletto “Parade” e sperò di trovare ispirazione proprio in Italia. Il balletto nacque poi proprio a Napoli, grazie alla tradizioni folkloristiche e al grande impatto che ebbero sull’artista le rovine di Pompei. Un impatto che poi si rifletterà anche nel suo successivo lavoro, Pulcinella, ispirato proprio alle grandi maschere della storia napoletana.

Ci sarà inafatti la Picasso Parade, in tutti i luoghi che furono d’aiuto all’artista per venire a capo della produzione del balletto e delle opere successive. Saranno ospitate alcune importantissime opere dell’artista, anche se per il momento vige il mistero più assoluto sulla specificità delle stesse opere.

All’Antiquarium di Pompei spazio anche per i costumi di scena che furono realizzati dal popolarissimo artista dopo il suo viaggio nel nostro splendido Paese, nonché gli studi preparatori su bozzetto per la realizzazione appunto dei costumi in questione.

Iniziative che confermano il grande fermento culturale non solo del museo napoletano ma anche del principale sito archeologico Campano, che negli ultimi mesi ha ospitato tantissime manifestazioni.