Mercato immobiliare: in Costa d’Amalfi gli stranieri tornano ad acquistare

Gli stranieri tornano ad investire nel nostro mercato immobiliare. L’Ufficio studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato ha analizzato l’andamento del comparto degli immobili nelle località turistiche di mare, lago e montagna registrando prezzi ancora in ribasso nella seconda parte del 2016.

Nello studio Tecnocasa si riscontra una piccola contrazione sull’acquisto di casa vacanza per utilizzo proprio, ma ci sono delle novità sulla finalità dell’acquisto e sulla tipologia di acquirenti.

I valori degli immobili per le località di mare sono in ribasso dell’ 1,7%, -0,7% le località di lago e -2,4% quelle di montagna. Dal 2008, anno della prima crisi mondiale, le località di mare hanno perso un totale pari al 38,6%, quelle di lago il 28% e quelle di montagna il 30,1%.

Maiori: incendio tra Ponteprimario e Pucara. Vallata invasa dal fumo / Foto

Continuano a bruciare le montagne al confine tra Pucara e Ponteprimario. La colonna di fumo generato dall'incendio sono visibili a tanti chilometri di distanza...

Se la motivazione d’acquisto è scesa da 7,4% al 6,7%, la componente ad uso investimento è aumentata in un anno, passando dal 16,2%al 18,6%.

Dalla ricerca Tecnocasa è emerso che si registra un ritorno all’investimento immobiliare nelle località turistiche ma che tali immobili sono poi messe a reddito investendoli come B&B o affitta – camere. La novità più interessante è che si è incrementato il numero di stranieri che acquista la casa vacanza in Italia.

Negli ultimi anni nel nostro Paese c’è stato un incremento del turismo straniero e, quest’anno, è prevista una crescita pari al 4%. La percentuale di stranieri che acquista una casa in Italia è passata dal 12,1% dello scorso anno al 7,5% di quest’anno in corso.

La tipologia più richiesta è il trilocale con il 29,5% seguito da soluzioni indipendenti (27,6%) e dal bilocale con il 25%. Si cercano soluzioni con spazi esterni, con la vicinanza al mare o al lago e, soprattutto, la presenza di servizi.

Il secondo semestre del 2016 vede ancora in diminuzione le località di mare in Italia pari a -1,7%. Tra le regioni che hanno segnalato il calo maggiore ci sono il Veneto (-4,1%), il Friuli Venezia Giulia (-3,7%) e il Lazio (-3,1%). La regione che ha registrato la contrazione più contenuta è stata la Sicilia (-0,8%), seguita dalla Campania (-1,0%).

Nelle località turistiche di mare si segnala una ripresa delle richieste. Gli stranieri sono tornati ad acquistare in particolare in Campania (Ischia, Sorrento e, in misura minore, ad Amalfi e Positano), Sicilia (nell’area di Castellammare del Golfo e Scopello) e Liguria ( con un ritorno importante dei francesi nell’imperiese e agli albori nel savonese) dove gli interventi per la nascita di piste ciclabili stanno diventando un importante elemento attrattivo.