Massimo Coda a Minori. L’attaccante del Benevento a cena al Giardiniello / Foto

Una serata di relax e cibo di qualità, utile a riprendersi dalle fatiche post ritiro, per l’attaccante del Benevento Massimo Cosa. Il calciatore ha scelto il Giardiniello di Minori per degustare le eccellenze del nostro territorio, nel caratteristico scenario del ristorante nel cuore della Costiera Amalfitana.

Sorridente ed in gran forma l’ex attaccante della Salernitana è stato molto disponibile, concedendosi per alcune foto ricordo. In particolare, a fine serata, con gli owner Tony e Gianni Di Bianco che lo hanno deliziato con le specialità dello chef Giovanni Cozzolino. Una pausa prima di ricominciare con gli allenamenti e la preparazione per una stagione che per Massimo Coda potrebbe essere importantissima.

Il Confettone, la dolce e antica delizia di Cava de’ Tirreni

Il Confettone, detto anche in dialetto 'o Cunftton, è una dolce specialità gastronomica diffusa in provincia di Salerno, in particolare a Cava de' Tirreni,...

Il calciatore molto legato a Salerno ha lasciato la società granata per giocarsi tutte le proprie carte nella massima serie con il Benevento. Si tratta di un ritorno in Serie A dopo l’esperienza con il Parma, terminata con il fallimento della società.

Massimo Coda originario di Cava de’ Tirreni, spesso di reca in Costiera Amalfitana per qualche momento di relax. Sempre a Minori, nel mese di aprile dopo una passeggiata sul lungomare si fermò nel centralissimo ristorante “Libeccio”, per gustare tutte le bontà della cucina nostrana, a base di pesce che è capace di richiamare sempre tantissimi turisti e che ha di certo estasiato anche il calciatore.

Massimo Coda, viste anche le origini, ha nella Divina molti amici che spesso ha ospitato all’Arechi e che lo hanno sostenuto negli anni trascorsi alla Salernitana e che faranno altrettanto per l’inizio dell’imminente avventura con i sanniti. Molto amato non solo per le sue doti calcistiche, Coda ha passato qualche ore lontano dallo stress e coccolato dalle bellezze, dalle bontà e dell’affetto della Costa d’Amalfi.