L’ultimo saluto di Minori a Ferruccio Salvestri. Il ricordo del sindaco Reale

Riceviamo e volentieri pubblichiamo dal sindaco di Minori, Andrea Reale, il ricordo di Ferruccio Salvestri scomparso ieri ed al quale gli amici, i parenti e l’intera comunità della cittadina Costiera hanno dato oggi l’ultimo saluto nella Basilica di Santa Trofimena.

Caro Ferruccio, vorrei ricordarti non tanto da sindaco quanto soprattutto da amico, da compagno di infanzia e di adolescenza, insieme ai tanti altri che hanno conosciuto il tuo sorriso, la tua bontà e disponibilità. Erano anni di entusiasmi e di passioni, che il tempo ha forse in parte trasformato ma che rimangono perché ci hanno formato, hanno fatto emergere la nostra identità, i nostri caratteri, ci hanno legato di esperienze in cui versavamo tutti noi stessi, i giochi, gli scout, il teatro e le tante altre attività in cui ti trovavamo sempre al fianco, volenteroso e bendisposto. Soprattutto l’esperienza negli scout ti aveva reso fermo, determinato nelle tue idee e deciso nel portarle avanti, ma allo stesso tempo aperto al dialogo, al confronto, e a riconoscere il pensiero degli altri, rispettandolo sempre. E’ questo uno degli insegnamenti che ci hai lasciato: il rispetto per chi è diverso, l’accettazione delle differenze come elemento di arricchimento reciproco. Poi il tempo è passato, ci siamo trovati grandi e con qualche capello bianco, ma abbiamo continuato nel gioco della vita, nel quale tu profondevi insieme responsabilità e leggerezza. A volte sembravi cupo, assorto nei tuoi pensieri, ma sapevamo che restavi attento, disposto a parlare, ad aiutare, a rimanere te stesso anche nel più serrato dei confronti. Ti ricordo negli anni del Proscenio, la nostra associazione teatrale, in cui tu non stavi in primo piano, sulla scena, ma eri comunque indispensabile col tuo sostegno, col tuo incoraggiamento, che non rifiutavi mai e su cui si poteva contare con certezza. E ti ricordo negli anni della politica, quando abbiamo creato ViaNova e tu hai dato un contributo di partecipazione e di idee, ed anche quando hai espresso le tue critiche, il tuo dissenso, con franchezza e spirito costruttivo. Con la tua presenza, mai esibita, mai ostentata ma sempre rassicurante, affidabile, costante, hai dato forza a tutti noi ed al tuo paese, che hai servito da consigliere comunale con dedizione ed amore. Lo stesso amore con cui oggi noi ti salutiamo, non soltanto i tuoi amici ma l’intera Minori, con l’affetto e la stima che si deve a una persona giusta, buona e corretta come tu, Ferruccio, sei stato per ognuno e resterai nella memoria di tutti. Ciao. 
Andrea Reale