Leo Gullotta, relax in Costiera prima dello spettacolo di stasera sul molo di Minori

C’è un ospite speciale oggi a Minori. E’ Leo Gullotta, che stasera sul palco allestito al Molo d’attracco delle guardie costiere porterà in scena «Minnazza», terzo appuntamento della rassegna «Le vie dell’arte e del palato in costa d’Amalfi».

Gullotta, 71 anni (54 dei quali vissuti tra cinema e teatro) regalerà un reading, o per meglio dite un “volo” sulla letteratura siciliana che ha come simbolo la donna, prosperosa. Minnazza, ovvero una donna col seno grande.

Positano: dopo 10 anni di lavori apre la Villa Romana. Domani l’inaugurazione / Video

L’incanto di Positano da domani non sarà solo quello che la natura le ha riservato. Non sarà solo quello ben armonizzato dall'uomo tra grappoli...

«Una madre che vuole significare il riappropriarci del latte, della natura umana, della nostra terra e del suo linguaggio», ha raccontato l’attore a il Corriere del Mezzogiorno. E stamane Gullotta si sta rilassando nella cittadina della Costiera Amalfitana dove ai tavoli dell’albergo Santa Lucia si è dedicato questa mattina alla lettura dei giornali complice anche la frescura che avvolge la Costiera dopo il caldo asfissiante dei giorni scorsi.

«Sono cresciuto – racconta poi Gullotta al Corrmezz – con Sciascia, Pippo Fava, Salvo Randone, Turi Ferro, che mi hanno insegnato a guardare a questo lavoro con onestà e professionalità. Questo spettacolo, con cui giriamo in Italia e all’estero, fino all’Australia, li onorerà in tanti, a partire proprio da Fava, al quale dedicheremo la nostra prossima serata in Sicilia».

Oggi si gode la Costiera concedendosi qualche ora di relax. «Il Sud è la mia Catania, emblema della Sicilia, è Napoli, la Campania – conclude Gullotta la sua intervista al Corrmezz – E Minori, questa deliziosa località storica, civile, dal mare pulito, abitata da una semplicità e da una generosità di fondo, che ringrazio per avermi dato modo di preparare questa serata di riflessione, parte di una stimolante serie di iniziative di esaltazione della bellezza, della cultura e del gusto».