La Campania coast to coast: meno stress con le vie del mare. Ecco i dati

Oltre 50mila utenti delle vie del mare e dei quasi 10mila viaggiatori che, per le loro vacanze hanno preferito il treno piuttosto che l’automobile. E più precisamente quello ad alta velocità. Capolinea Salerno dove ad attendere chi era diretto nel Cilento c’era i bus di Italo e Trenitalia. Sono questi i numeri del progetto regionale Cilento blu che ha messo insieme strada ferrata, trasporto sul gomme e vie del mare, per collegare le più note località turistiche. Il gradito ritorno del metrò del mare in particolare ha consentito di unire Capri e la Costiera al Cilento alleggerendo i problemi della viabilità. Comunque sia sulle tratte varate dalla Regione e fortemente volute dal presidente Vincenzo De Luca e dall’assessore regionale al turismo Corrado Mattera, in soli due mesi, si è registrata una movimentazione di 52.743 passeggeri che hanno viaggiato verso Capri, Napoli e le località turistiche più gettonate della costiera Amalfitana e Cilentana.

Anche il sistema misto ferro-gomma fornisce numeri interessanti: ben 4.054, dal 18 luglio al 12 settembre, sono stati i viaggiatori che con Italo hanno raggiunto il Cilento e il Vallo di Diano, fino a Salerno a bordo dell’alta velocità e poi con Italobus fino a destinazione. Mentre 3.702 sono stati invece i viaggiatori che dall’8 luglio all’11 settembre hanno usufruito del Frecciarossa e poi del Cilento Express.