Ischia punta sull’eco turismo, in arrivo 20 auto elettriche per i tour sull’isola

Ischia sempre più green. A partire da giugno, infatti, saranno installate ben 30 colonnine di ricarica fornite dall’azienda Enel e una flotta di ben 20 auto elettriche fornite da B-Rent utili per ammirare le bellezze dell’isola, senza creare problemi ambientali.

Secondo quanto riportato dall’agenzia Ansa il progetto verrà sviluppato ulteriormente per arrivare a 50 colonnine di ricarica, che porteranno l’isola, con i suoi 46 kmq, al primato di area con la maggiore densità di stazioni di ricarica di tutto il territorio nazionale.

Un primato che dimostra la grande attenzione dell’amministrazione comunale, degli abitanti e di chi vive e ama Ischia, rispetto al rispetto per l’ambiente.

Incendio Maiori: sulla Sp2 si procede a sensi di marcia alternati / Foto

Si è rialimentato nel pomeriggio il rogo che sta interessando Maiori nella zona di Ponteprimario. E per questo, così come è accaduto ieri sera, è...

Le prime colonnine sono già disponibili presso 15 hotel dislocati nei sei comuni dell’isola e in altre postazioni strategiche. Il noleggio può essere effettuato attraverso gli alberghi che hanno già aderito al progetto, una rete che verrà estesa coinvolgendo anche altri operatori e che permetterà a chiunque voglia orientarsi verso la mobilità sostenibile di utilizzare veicoli elettrici sul territorio ischitano.

Il progetto “Ischia Isola Verde” è stato presentato dal responsabile Enel Mercato Area Sud Augusto Raggi e dal Fondatore di Emotion Aldo Arcangioli.

Una bellissima iniziativa che aiuterà Ischia a rimanere pulita e rispettosa dell’ambiente. Un modo questo per far comprendere anche alle centinaia di migliaia di turisti che ogni anno la invadono, l’importanza di rispettare l’ambiente.

L’inquinamento è il più grave problema del secolo scorso, rimasto irrisolto e che inevitabilmente condiziona il presente e condizionerà il futuro. L’iniziativa adottata dal comune di Ischia può essere un esempio per tante altre cittadine italiane che potrebbero puntare sempre più sull’eco turismo.