In arresto cardiaco salvato all’Ospedale Costa d’Amalfi. Trasferito al Ruggi in elicottero

Altro intervento salvavita presso l’ospedale Costa d’Amalfi di Castiglione di Ravello. Un uomo di 78 anni giunto in arresto cardiaco è stato salvato dai sanitari di turno che lo hanno immediatamente preso in consegna e sottoposto a terapia intensiva.

L’uomo, giunto a bordo di un’ambulanza del 118, è stato trasferito in sala di rianimazione dove è stato intubato dall’anestesista di turno e sottoposto a terapia intensiva e a manovre di rianimazione cardio polmonare.

E’ stato così che l’uomo si è ripreso aiutato anche dalla terapia farmacologica. Per lo sfortunato 78enne è stato poi disposto il trasferimento presso il Ruggi di Salerno a bordo dell’eliambulanza del 118 atterrata sul porto turistico di Maiori.

L’importante intervento praticato oggi a Castiglione giunge a meno di dieci giorni di distanza dalla disposizione n.9293 del 10 aprile 2017, a firma dei direttori Giancarlo Accarino, Angelo Gerbasio e Nicola Silvestri, con cui veniva rimodulato l’assetto organizzativo del presidio ospedaliero di Castiglione di Ravello.

Un riassetto, dopo le polemiche e l’intervento del presidente Vincenzo De Luca, che ha portato ad riottenere gli anestesisti rianimatori h24, la radiologia tutti i giorni dalle 8 alle 20, servizio di esami di laboratorio nell’arco delle 24 ore e la cardiologia nelle ore diurne.

Quest’ultima, «nelle more del reclutamento di specialisti cardiologi da parte della direzione sanitaria sarà garantita h24».