In lotta con le fiamme per salvare i boschi della Costiera. Onore a tutti i volontari

Brucia senza sosta la Costiera Amalfitana dove nelle ultime settimane decine di ettari di verde sono stati distrutti dagli incendi. Roghi, anche di vastissime dimensioni, hanno martoriato il nostro territorio, al quale sono state inferte ferite profonde e dolorose. E che speriamo, un giorno, di non dover pagare per colpe certamente non nostre.

Al fianco dei vigili del fuoco e degli operai forestali della regione della comunità montana, anche decine di volontari hanno lottato per cercare di salvare i nostri boschi dall’avanzate della fiamme. Si sono lanciati in una dura sfida per il solo amore per la loro terra. Per legame viscerale con la natura, unica, di questi luoghi. Tra questi i ragazzi della Protezione Civile di Amalfi, Maiori, Corbara, Pagani e tanti tra agricoltori e cacciatori. Come quelli che ieri sera a Tramonti si sono dannati per spegnere il rogo che ha minacciato gli abitati di Pietre e Gete.

Soprattutto loro, i cacciatori che a più riprese si sono lanciati tra lingue di fuoco nellle selve di macchia mediterranea. Angelo Amato, Antonio Campanile e tanti altri, in queste settimane hanno evitato il peggio. E l’hanno fatto anche ieri, fino a notte fonda tra i boschi sopra Gete.

Napoli – Nizza ecco dove vedere in tv e streaming il preliminare di Champions...

Domani 16 agosto il Napoli disputerà la partita più importante della stagione, il preliminare di Champions League contro il Nizza. La sfida con i francesi sarà un...

I volontari non ottengono nulla in cambio, nè riconoscimenti economici nè medaglie al valore, ma di certo l’apprezzamento, la stima, l’affetto di quanti grazie al loro impegno possono ammirare ancora nella sua bellezza la nostra Costiera Amalfitana.

Di giorno e di notte, sotto il sole o tra i bagliori delle fiamme, loro ci sono. E portano avanti un’azione di volontariato senza temere per la propria incolumità ma con un unico obiettivo: il bene della comunità.

Sono un esempio di civiltà, di amore, di responsabilità, in particolar modo in questo momento storico. Un esempio da seguire ed emulare perché è semplicemente straordinario il legame che tiene unite queste persone alla loro terra. A differenza di chi distrugge per trarre profitti.

Anche nell’incendio che in queste ore sta devastando Tramonti sono stati in prima fila. Nonostante le fiamme avessero colpito una zona impervia, difficile da raggiungere, loro si sono fatti trovare pronti. Così come tanti amministratori che in prima linea hanno fronteggiato il fuoco. Ad Amalfi il consigliere comunale Francesco De Riso, a Tramonti, l’assessore Enzo Savino. Ma ce ne sono ancora tanti che in queste ore si sono dati da fare abbandonando il loro ruolo istituzionale: a Cava de’Tirreni come nei piccoli comuni del Cilento. E prima ancora a Torre del Greco come nei paesi dell’area vesuviana.

Anche il responsabile del servizio associato della protezione civile (Maiori-Minori-Tramonti-Cetara), Nicola Mammato, ha voluto esprimere la propria gratitudine per l’opera svolta da queste persone: «Esprimo il mio più vivo ringraziamento al responsabile Giuseppe Dell’Isola e ai volontari del nucleo comunale di Protezione Civile del comune di Maiori, al Presidente Antonio Acunto ed ai volontari della Pubblica Assistenza Millenium Costa d’Amalfi, ai cacciatori, ai cittadini ed all’assessore del comune di Tramonti Vincenzo Savino che stasera hanno operato in zona Ponte-Gete nel fronteggiare il vasto incendio che in questi giorni sta colpendo Tramonti».

Armati di grande forza di volontà hanno lottato, anche quando i mezzi aerei non hanno potuto sorvolare le fiamme su cui far arrivare tonnellate di acqua. Hanno lottato anche quando la situazione sembrava essere irrimediabilmente compromessa. Hanno lottato in qualsiasi circostanza con senso civico, con senso di responsabilità. Incondizionatamente!

A loro va il grazie per il lavoro svolto e quello che svolgeranno. Un grazie da parte di tutti, nessuno escluso. Grazie a chi ha rischiato per la propria incolumità pur di difendere un territorio. GRAZIE!!