Salerno: ritorna la Fiera del Crocifisso Ritrovato tra storia e magia

Foto by Fanpage Facebook Fiera del Crocifisso Ritrovato

A Salerno città, nel cuore del centro storico, sta per ritornare ancora una volta, anche quest’anno, la Fiera del Crocifisso Ritrovato, appuntamento ormai imperdibile tra le manifestazioni a tema medievale in Italia, targato Bottega San Lazzaro.

Come riporta il quotidiano Il Mattino di Salerno, l’edizione 2017 sarà super, infatti durerà ben quattro giornate, dal prossimo 28 Aprile e fino al 1 di Maggio, invece che i soliti tre giorni canonici.

Lo slogan di quest’anno per la Fiera del Crocifisso Ritrovato è «Salerno: storia e magia», ovviamente ideato dallo staff organizzativo dell’evento coordinato da Chiara Natella e famiglia.

La manifestazione è patrocinata anche dal Comune di Salerno e può vantare all’attivo un consistente numero di partner istituzionali e privati.

Proprio ieri, il programma ufficiale della Fiera del Crocifisso Ritrovato, è stato presentato a Palazzo di Città.

L’evento, come ogni anno, proporrà, tra i vicoli del centro storico salernitano, il commercio e l’artigianato di epoca medievale, riecheggiando la fiera istituita nel 1259 da re Manfredi.

Ci saranno stand, mercatini, e angoli allestiti a tema, verranno mostrati gli antichi mestieri di un tempo, e, ad arricchire questo spaccato di storia salernitana, si aggiungeranno anche centinaia tra artisti di strada e figuranti, come menestrelli, saltimbanchi, trampolieri, giocolieri, mangiafuoco, cantastorie e giullari di Davide Rossi e di Circateatro di Urbino, che riporteranno i visitatori nell’atmosfera particolare dell’epoca medievale.

A parlare sull’evento è Chiara Natella, organizzatrice, e spiega:

«Abbiamo registrato il marchio della Fiera creata da papà che continua a crescere e ad arricchirsi di novità, come quella dei giochi in Largo Abate Conforti per far conoscere ai bambini come ci si divertiva nel Medioevo. Inoltre quest’anno abbiamo coinvolto le scuole. Gli alunni del liceo coreutico e musicale Alfano I, guidati da Guido Pagliano, si esibiranno in concerti di musica medievale a Santa Maria de Lama ed l’Ostello Ave Gratia Plena. I ragazzi della sezione moda del TraniMoscati, coordinati dalle docenti Giuliana Rago ed Elena Fiorillo, hanno invece realizzato gli abiti storici; mentre ai futuri chef dell’Alberghiero Virtuoso è toccata la preparazione di piatti che si trovavano nelle locande medievali».

Ulteriore novità di questa edizione della Fiera del Crocifisso Ritrovato a Salerno è l’istituzione del «Fondo Peppe Natella», presso la Fondazione della Comunità Salernitana.

A proposito, la presidente Antonia Autuori precisa:

«Si tratta di un salvadanaio sociale gestito in autonomia dalla Bottega San Lazzaro a sostegno di progetti di carattere cultura

le promossi da enti senza scopo di lucro che vogliono valorizzare il centro storico».

Anche l’assessore al Bilancio e allo Sviluppo Roberto De Luca, è intervenuto sulla Fiera del Crocifisso Ritrovato, dichiarando:

«Non è vero che con la cultura non si mangia: con la cultura si crea sviluppo ed economia, lo verifichiamo con tutte le iniziative culturali che riempiono il cartellone turistico della città».

LASCIA UN COMMENTO