Estate in Campania: come divertirsi tra cibo, cultura e musica

L’estate non è solo mare, è anche la possibilità di visitare città d’arte, per partecipare a congressi e seminari che non riusciamo a seguire durante l’anno e, per ultimo ma non meno importante, per divertirci.

In tutta la provincia di Salerno, dalla Costiera Amalfitana a quella Cilentana, sono molte le alternative per trascorrere un’estate serena e spensierata, all’insegna della moda, della cultura e dello star bene.

Per chi scegliesse la Costa d’Amalfi molte sono le iniziative culturali: si parte dal fascino di Positano dove è già partita la XXV edizione di “Positano 2017 Mare sole e cultura”. I prossimi appuntamenti per questo evento sono mercoledì 5 luglio dove si presenta il libro di Pino Imperatore “Allah, San Gennaro e i tre Kamikaze”, e il 13 luglio con Rosanna Lambertucci e il suo libro “La dieta per vivere cento anni”.

San Vito Positano travolto dalla Battipagliese. Finisce 4-0 per i bianconeri

Brutta sconfitta esterna per il San Vito Positano che rimedia un cocente poker dalla Battipagliese che conquista la seconda consecutiva, la prima stagionale tra...

Per chi invece fosse più incline alla gastronomia largo allora ad una vacanza alla Costa Cilentana. A Pioppi, a Palazzo Vinciprova, si trova la sede dell’Ecomuseo della Dieta mediterranea. Salerno e la sua estesa provincia infatti sono anche sinonimo di gusto e prodotti di eccellenza.

Tra i tanti ricordiamo la mozzarella di bufala campana, i fichi bianchi del Cilento, i fagioli di Controne e quelli di Casalbuono, i ceci di Cicerale e il Carciofo bianco di Pertosa. La Costiera Amalfitana è invece famosa per i suoi limoni e per la Colatura di alici di Cetara. Tutti prodotti che durante l’estate vengono celebrati in  eventi enogastronomici e sagre.

Curiosità e divertimento a Castellabate dove, nella frazione di Santa Maria, il 16 giugno è stata riaperta al pubblico la Villa Matarazzo, sede del Centro di Promozione Riserve Marine e del Paesaggio Mediterraneo: qui è possibile vedere in 3D le immagini dei fondali marini del Parco. Per chi ha il pollice verde, è aperto al pubblico anche il giardino d’ornamento che conta circa 210 specie diverse di piante.

Per chi risale dalla Costa Cilentana e si dirige verso Salerno, tappa obbligatoria è l’Area Archeologica di Paestum che attende i visitatori con “Musica ai Templi”. L’appuntamento con la musica si tiene ogni venerdì fino al 15 di settembre all’ombra del Tempio di Nettuno. Dopo la performance di Fabio Concato e Paolo di Sabatino Trio, il 7 luglio l’appuntamento in agenda è con Monica Guerritore con “Dall’inferno all’infinito”.

Dal 6 luglio e fino al 27 agosto, inoltre, Paestum diventa anche by night con la Passeggiata tra i Templi in notturna.

Nel Vallo di Diano tappa d’obbligo è la Certosa di San Lorenzo a Padula, ricca di storia e di arte, ma si possono anche visitare il Battistero paleocristiano di San Giovanni in Fonti e la Casa Museo di Joe Petrosino. Spazio anche alla musica con il Padula Mob Festival che vedrà, fino al 15 luglio, esibirsi band emergenti.