Estate in Campania: come divertirsi tra cibo, cultura e musica

L’estate non è solo mare, è anche la possibilità di visitare città d’arte, per partecipare a congressi e seminari che non riusciamo a seguire durante l’anno e, per ultimo ma non meno importante, per divertirci.

In tutta la provincia di Salerno, dalla Costiera Amalfitana a quella Cilentana, sono molte le alternative per trascorrere un’estate serena e spensierata, all’insegna della moda, della cultura e dello star bene.

Per chi scegliesse la Costa d’Amalfi molte sono le iniziative culturali: si parte dal fascino di Positano dove è già partita la XXV edizione di “Positano 2017 Mare sole e cultura”. I prossimi appuntamenti per questo evento sono mercoledì 5 luglio dove si presenta il libro di Pino Imperatore “Allah, San Gennaro e i tre Kamikaze”, e il 13 luglio con Rosanna Lambertucci e il suo libro “La dieta per vivere cento anni”.

Ravello: Capitale Cultura 2020, inviato dossier di candidatura. Oggi una serie di eventi

Inviato ieri al Mibact il dossier per la candidatura di Ravello - Costa d'Amalfi a Capitale italiana della cultura 2020. Completamente su carta a...

Per chi invece fosse più incline alla gastronomia largo allora ad una vacanza alla Costa Cilentana. A Pioppi, a Palazzo Vinciprova, si trova la sede dell’Ecomuseo della Dieta mediterranea. Salerno e la sua estesa provincia infatti sono anche sinonimo di gusto e prodotti di eccellenza.

Tra i tanti ricordiamo la mozzarella di bufala campana, i fichi bianchi del Cilento, i fagioli di Controne e quelli di Casalbuono, i ceci di Cicerale e il Carciofo bianco di Pertosa. La Costiera Amalfitana è invece famosa per i suoi limoni e per la Colatura di alici di Cetara. Tutti prodotti che durante l’estate vengono celebrati in  eventi enogastronomici e sagre.

Curiosità e divertimento a Castellabate dove, nella frazione di Santa Maria, il 16 giugno è stata riaperta al pubblico la Villa Matarazzo, sede del Centro di Promozione Riserve Marine e del Paesaggio Mediterraneo: qui è possibile vedere in 3D le immagini dei fondali marini del Parco. Per chi ha il pollice verde, è aperto al pubblico anche il giardino d’ornamento che conta circa 210 specie diverse di piante.

Per chi risale dalla Costa Cilentana e si dirige verso Salerno, tappa obbligatoria è l’Area Archeologica di Paestum che attende i visitatori con “Musica ai Templi”. L’appuntamento con la musica si tiene ogni venerdì fino al 15 di settembre all’ombra del Tempio di Nettuno. Dopo la performance di Fabio Concato e Paolo di Sabatino Trio, il 7 luglio l’appuntamento in agenda è con Monica Guerritore con “Dall’inferno all’infinito”.

Dal 6 luglio e fino al 27 agosto, inoltre, Paestum diventa anche by night con la Passeggiata tra i Templi in notturna.

Nel Vallo di Diano tappa d’obbligo è la Certosa di San Lorenzo a Padula, ricca di storia e di arte, ma si possono anche visitare il Battistero paleocristiano di San Giovanni in Fonti e la Casa Museo di Joe Petrosino. Spazio anche alla musica con il Padula Mob Festival che vedrà, fino al 15 luglio, esibirsi band emergenti.