Con Caronte sarà un’estate caldissima. Ma fino a luglio tempo instabile

Nel mese di aprile ormai trascorso ci siamo abituati a violenti cambiamenti climatici che hanno portato le condizioni meteo a passare da quasi estate a quasi inverno. Bel tempo prima di Pasqua, cattivo tempo dalla domenica di Pasqua, bel tempo il 25 aprile e ieri, primo maggio, in alternanza a cielo prevalentemente nuvoloso.

Per la prima settimana di maggio si prevede un’Italia spaccata in due a causa del Vortice Igor che interesserà soprattutto il Nord, mentre al Sud qualche precipitazione potrà raggiungere anche i settori appenninici di Campania e Lucania. Le temperature saranno comunque in lenta ripresa su tutte le regioni, con valori nella media del periodo. I valori saliranno gradualmente fino ad andare sopra la media a partire dal 6/7 maggio.

In questi giorni i meteorologi si stanno già sbilanciando su come potrebbe essere l’estate 2017. Il Meteo. it parla di una possibile estate all’insegna di una temperatura sopra la media per gran parte della stagione. La causa di ciò va riportata a possibili depressioni  nordatlantici o nordeuropei più orientati verso la Penisola iberica e Centro Ovest Europa, e con sollevamenti frequenti, invece, dell’alta pressione nordafricana verso il Mediterraneo centrale.

Praiano: la grande notte di Paris Hilton all’Africana. Ecco le foto della serata

E venne la notte di Paris Hilton. Ovviamente all'Africana, lo storico locale di Praiano che continua a proporre grandi eventi sul solco di un'antica...

A giugno, nella prima fase stagionale, il flusso instabile settentrionale, in continuità con quanto potrebbe accadere nel corso della primavera, dovrebbe tenere una traiettoria di affondo, più centrale sul Mediterraneo e sull’Europa.

A luglio, primo vero mese estivo, il clima dovrebbe vedere un tipo di tempo maggiormente esposto ai flussi instabili occidentali o settentrionali, con possibilità di piogge nella norma su gran parte del Paese. Forse instabilità un po’ superiore alla norma più sul lato Tirrenico, al Nord Ovest e Alpi. Nel complesso dovrebbe esserci una sostanziale assenza dell’anticiclone nordafricano, se non con qualche temporanea comparsa.

Ad agosto cambia invece tutto con l’arrivo dell’anticiclone Caronte. Come già detto, a causa dei continui spostamenti dei cavi d’onda settentrionali o nordatlantici verso l’Ovest Europa e maggiori performance dell’alta pressione nordafricana sul Mediterraneo centrale e sull’Italia, la conseguenza  sarebbe un tempo spesso caldo, con clima siccitoso e temperatura sopra la media di 1/2° su gran parte del territorio.