Dormire in aeroporto, a Napoli si può. L’11 a Capodichino apre il primo capsule hotel

Porta automatizzata, finestra con oscuranti, un letto di Lunghezza di 2 metri per 70, un tavolo da lavoro. E poi pareti insonorizzate, aria condizionata regolabile, illuminazione intera d’atmosfera con singoli settings, illuminazione sul tavolino da lavoro, specchio e appendiabiti, docking station per iPod e lettore Mp3, oscuranti alle parti vetrate, tv multimediale con entertainement, multimedia touch screen con info voli e sveglia, presa di corrente e connessione internet.

Sono queste le caratteristiche della cabina tipo del nuovo capsule hotel d’Italia. E’ BenBo Bed&Boarding, che aprirà mercoledì 11 gennaio, presso l’Aeroporto Internazionale di Napoli. Il progetto innovativo, di cui tanto si è parlato in questi giorni proprio perchè incute curosità, sarà presentato alla stampa e agli operatori il progetto e gli spazi alle ore 11 da Carlotta Tartarone Project manager di Bed&Boarding e Armando Brunini AD Gesac Spa. Un’altra grande intuizione dopo l’accordo con Ryanair di inizio dicembre che porterà collegamenti da Napoli con ben 17 destinazioni e la notizia delle nuove rotte di EasyJet dal 2017.

A chi è rivolto il Bed&Boarding

Una straordinaria novità che va a soddisfare tutte le esigenze dei passeggeri. Infatti, le capsule che coniugano design e confort, praticità e risparmio, non sono destinate solo a giovani con zaino in spalla, agli anglosassoni backpackers, ma ad ogni tipologia di viaggiatore: dal giovane business man alle famiglie.

L’angolo Antitrus di Fiorello sceglie la Costiera. Spot su Fb per i Mandara di...

Si chiama «l'angolo Antistrust» ed dedicato settimanalmente alla pubblicità gratuita per negozi e attività commerciali. Lo ha varato Fiorello sulla propria pagina facebook che conta...

I primi destinatari del Bed&Boarding sono i passeggeri in attesa del loro volo ai quali è offerta la possibilità di soggiornare in una cabina letto per bypassare piacevolmente i tempi di sosta prima o dopo un volo e offre privacy in una stanza pulita e ordinata. I prezzi per dormire in una capsule room di BenBo sono i seguenti: 8 euro la prima ora, 7 euro dalla seconda ora in poi e 25 euro le nove ore notturne.

Il progetto

Il progetto Bed&Boarding nasce dal recupero e rifunzionalizzazione della palazzina ex Ati nella zona Land side dell’aeroporto ed è realizzato da un pool di imprenditori campani in collaborazione con Gesac Spa. Lo spazio in cui sono inseriti i moduli di Bed&Boarding è l’ex locale Ati ed ha una superficie di 1.130 mq per un’altezza interna pari a 4 metri e mezzo.

Il progetto prevede un primo stralcio di 42 capsule su 72 autorizzate, per ospitare 40 cabine tipo più 2 cabine per diversamente abili, ovvero dimensionate nel rispetto della normativa di riferimento per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Come funziona il Bed&Boarding

Il cliente potrà prenotare la sua capsula anche prima dell’arrivo in aeroporto attraverso il sito internet del gestore o con un’apposita app per smartphone. La prenotazione potrà avvenire nche nell’area dedicata a Bed&Boarding in aeroporto, dove, con l’apposita reception, effettuerà il processo di prenotazione, check-in e check-out, potrà accedervi per il tempo necessario.

Dopo il check-out inizia la procedura di pulizia e cambio biancheria. Grande attenzione sarà prestata agli ambienti dove le lenzuola si cambiano in automatico ad ogni check-out e l’abitacolo, dove l’aria è mantenuta fresca e pulita attraverso un sistema automatico di diffusione, è costantemente sanificato.

Bed&Boarding Napoli è il primo capsule hotel d’Italia ed è stato pensato per essere replicato in altri aeroporti italiani, ciascuna capsula infatti può essere facilmente posizionata nei luoghi di interesse senza intralciare lo svolgimento delle normali attività e il transito delle persone. I moduli realizzati con materiali lignei, opportunamente trattati e lavorati sono predisposti per essere trasportati già assemblati. I tempi d’installazione sono contenuti e il sistema modulare consente di aumentare o ridurre la sua capacità ricettiva a seconda delle necessità della struttura. Il progetto è realizzato privilegiando soluzioni architettoniche e materiali a basso impatto ambientale.