In Costiera i passeggi segreti: stavolta si va sulla terrazza degli dei

di Gioacchino Di Martino – Senz’altro uno dei percorsi più spettacolari e famosi non solo della Costiera amalfitana. Così chiamato per la bellezza del panorama, il sentiero degli Dei è il tragitto montano che collega Bomerano, frazione di Agerola in provincia di Napoli, a Nocelle, frazione di Positano. La partenza ovviamente può avvenire sia da Bomerano che da Nocelle con l’unico accorgimento di avere il sole alle spalle per godere appieno della fantastica visione della costa sottostante. Scegliendo l’itinerario classico, si parte da piazza Capasso di Bomerano, frazione di Agerola a circa 600 metri sul mare.

L’ambiente che attraversiamo è, per gran parte, quello caratteristico delle aree esposte della Costiera amalfitana: macchia mediterranea, carrubi, olivastri; in primavera un’esplosione di colori e di profumi; nelle zone più ombrose boschetti di latifoglie con il ricco corredo dei fiori tipici di sottobosco tra cui spiccano variopinte orchidee: orchis italica, ofride gialla. Molto ricca e varia la fauna, soprattutto gli uccelli: rumorose ghiandaie, misteriosi cuculi, corvi imperiali, gheppi, poiane vi potranno far compagnia durante la passeggiata e non è esclusa la possibilità di scorgere la sagoma fulminea del Falco pellegrino, sicuramente presente nella zona.

sentiero-degli-dei-veduta-03

Sui lati del sentiero, che in alcuni punti rasenta profondi burroni, terrazzamenti abbandonati e case disabitate ci parlano di un mondo scomparso legato alla dura fatica della terra che, in questa parte di territorio, doveva però essere alleviata dalla dolcezza del clima e dall’incredibile bellezza della costiera. Alcuni di questi fabbricati mostrano ancora gli accorgimenti (canalizzazioni in argilla, pozzi per la raccolta delle acque piovane) con i quali i nostri antenati sapevano far fronte alle difficoltà naturali ed alla carenza di prodotti industriali. Qualcuno di essi ha ancora il tetto in scandole (tegole in legno, in questo caso di castagno) con le quali fino a non molti anni fa si usavano costruire le coperture delle case in questo territorio..

Arriviamo adesso ad un bivio importante, sulla destra il sentiero prosegue per Nocelle mentre quello che imbocchiamo in discesa, per certi aspetti vertiginosa, ci conduce ad un vero e proprio eremo religioso: la chiesa di S.Maria a Castro con annesso convento di S.Domenico. Sotto di noi le case bianche di Vettica dominate dagli arditi terrazzamenti (tuttora faticosamente ma amorevolmente coltivati) che risalgono i ripidi versanti del massiccio calcareo. Di fronte lo spettacolare panorama della costa di Positano fino a Li Galli e Punta Campanella con Capri sullo sfondo.

La visita del solitario edificio di culto ci riserva l’affascinante sorpresa di un corredo artistico formato soprattutto da affreschi di epoca medievale, recentemente restaurati. Ci riserviamo, in conclusione, una sosta ristoratrice sulla splendida terrazza della chiesa prima di imboccare la scalinatella ( un po’ longa) che ci porterà al centro di Praiano.

SABATO 17 SETTEMBRE 2016
LE TERRAZZE DEGLI DEI
ITINERARIO N° 9
BOMERANO-CHIESA DI S.MARIA A CASTRO E CONVENTO DI SAN DOMENICO-PRAIANO

Informazioni, prenotazioni e riferimenti:
MICHELA CRESCENZO michela.crescenzo@gmail.com – Cell. 347 822 0175 (CAI-Cava de’ Tirreni)
GIOACCHINO DI MARTINO gioacchino.dimartino@tiscali.it – Cell. 347 261 8662 (CCSA – Club UNESCO Amalfi)
FERDINANDO DELLA ROCCA, ferdinandodellaroccacai@gmail.com – 3334966122 (CAI-Cava de’ Tirreni