Costiera Amalfitana: niente ausiliari, traffico paralizzato e caos sulla statale 163

Ancora una giornata da dimenticare in Costiera Amalfitana per quanto concerne la situazione traffico. Dopo le ore 13, infatti, nel tratto che porta da Minori a Castiglione si sono incrociati diversi autobus del servizio di trasporto pubblico e turistici, che hanno inevitabilmente paralizzato la circolazione.

L’assenza degli ausiliari del traffico a Castiglione ha provocato lunghe code in entrambi i sensi di marcia, costringendo gli automobilisti ad impiegare circa un’ora per percorrere il tratto di strada dall’uscita di Minori fino ad Amalfi.

Purtroppo si tratta di scene già viste e riviste nelle scorse settimane e per le quali bisogna intervenire con tempestività per non evitare che la Costiera Amalfitana si ritrovi stretta nella morsa del traffico che senza adeguate contromisure renderà la situazione insostenibile.

Vuoi diventare radioamatore? Aperte in Costiera le iscrizioni alla Protezione Civile

Dal profilo facebook dei Radioamatori della Terra delle Sirene, che operano tra la Costiera Amalfitana e la Penisola Sorrentina la definiscono «un'occasione unica». E'...

Per cercare di ripristinare il regolare flusso dei veicoli sulla statale 163 sono intervenuti prima i vigili di Ravello che hanno lavorato alacremente per regolarizzare il traffico, poi quelli di Amalfi, che intorno alle 14.30 circa si sono spinti fino a Castiglione per cercare di sbrogliare l’ennesima matassa.

Le cause del tracollo, oltre alla strana assenza degli ausiliari del traffico, sono semplici e lampanti: bastano pochi pullman che si incrociano sulla principale arteria della Costiera Amalfitana che la confusione prende il sopravvento. Una situazione inaccettabile per una terra meravigliosa come questa e che ogni anno ospita migliaia di turisti ai quali certamente non viene data una bella immagine.

Oltre ai visitatori, bisognerà pensare anche alle esigenze dei tanti residenti, che per svolgere una qualsivoglia commissione, a distanza di 4-5 chilometri sono costretti ad impiegare ore.