Costa d’Amalfi: una poesia per non dimenticare il dramma degli incendi / Video

«Ard’ stu cor comm’ a terra mia, alber’, fior, fronn’ e vigne e’ malvasia. Nun ce sta pace pe sti muntagn che cagnen culor che perdon l’addor che addeventan’ cennere e dulor». Inizia così la metrica scritta da Patrizia Porzio, mezzosoprano del Teatro di San Carlo di Napoli, per non dimenticare la devastazione degli incendi che hanno sconvolto in questi mesi estivi la Costiera Amalfitana.

Un grido d’allarme in versi che l’artista originaria di Torre del Greco ha affidato qualche sera fa alla voce di Peppe Barra durante la sua esibizione a Ravello nell’ambito della rassegna musicale Suoni del Sud. Strofe in vernacolo che narrano di una natura martoriata, di paesaggi stravolti, di metamorfosi imbarazzante dei colori della Costiera. Già perché come scrive la Porzio le nostre montagne «cagnen culor e perdon l’addor».

Maiori dà il benvenuto a Erica. E’ la primogenita di Alfonso e Filomena Pastore

E’ un frugoletto rosa che si è affacciato alla vita alle 9.15 di stamane. Un gran bel regalo di inizio autunno la piccola Erica Pastore...

Un grido d’allarme che che si unisce alle tante iniziative pubbliche organizzate in questi giorni: dal comitato Basta Incendi nato per iniziativa di alcuni cittadini della Costiera e di Cava de’ Tirreni, all’incontro programmato per lunedì ad Amalfi con tutte le associazioni del territorio.

Una metrica che può rappresentare un inno di questa sommossa popolare contro la devastazione delle nostre montagne e dei nostri boschi un tempo verdi, rigogliosi, e che complice la siccità sono stati trasformati in cenere dalla furia delle fiamme.

Una sommossa popolare che punta a creare una coscienza civica e critica al tempo stesso. Una coscienza capace di ribellarsi alle mani «i sti fetient senza nom e senza dio».

Ecco il testo della poesia scritta dalla cantante lirica ravellese.

Ard’ stu cor comm’ a terra mia,
alber’, fior, fronn’ e vigne e’ malvasia

Nun ce sta pace pe sti muntagn
che cagnen culor
che perdon l’addor
che addeventan’ cennere e dulor.

Nun ce sta pace pe sti muntagn
Che chiagnen comm fosser creatur
Senza mamma e senza sant
Solo fuoco, fiamm e fumo.

Nun ce sta pace pe sti muntagn
Senza nisciuno ca po ffa niente
Di front e mman i sti fetient
Senza nom e senza dio.

Ma a natura nun perdon
Ogg’ brucia deman chiov.

Contro a tutta a prepotenza
Contro all’omm che nun penza
Ca se gira e’ spall avot
A natura s’arravot.

(Patrizia Porzio)