Salerno e le sue chiese minori: la chiesa di Santa Lucia a via Roma

Foto by Alfredo Valente

La chiesa di Santa Lucia de Judaica sorge in via Roma nella zona centrale di Salerno.

Il nome “Santa Lucia” compare nel corso del 1500 ma probabilmente la chiesa potrebbe risalire all’anno mille circa essendo citata come Santa Maria de Mare già nel 1072.

La chiesa di Santa Lucia fu costruita a Salerno nell’antico quartiere della Giudaica a Judecca, posto tra le mura della città, dove vivevano gli ebrei.

L’alluvione di Cetara del 24 ottobre 1910. Anche il Re giunse in Costiera /...

Cetara tra qualche ora avrebbe pianto i suoi morti. Esattamente 107 anni fa. E cioè per effetto di quell'immane disastro che, in Campania, provocò...

L’aspetto attuale della chiesa risale all’opera di restauro del 1861 voluta fortemente dall’allora parroco Pasquale Vigorito.

La facciata è rialzata rispetto al piano stradale ed caratterizzata da quattro lesene che si concludono con un timpano triangolare.

L’interno, di forma rettangolare, è a navata singola con murature laterali intervallate da sei cappelle (tre per lato) e si conclude in una abside semicircolare.

Lo spazio è scandito da lesene in marmo su cui corre una trabeazione con fregio dipinto e cornice aggettante.

La copertura è costituita da una volta a botte unghiata decorata con riquadri e rosette di stucco.

Sulla volta vi è un dipinto raffigurante la Sacra Famiglia, Gesù con gli Apostoli e le Pie donne dinanzi al Sepolcro.

L’abside si presenta con un altare in marmi policromi su cui campeggia una nicchia semicircolare, rivestita a mosaico dorato, dov’è posta la statua di Santa Lucia.

Accompagnano l’ambientazione dipinti raffiguranti scene del martirio.

L’area del catino absidale con esagoni dorati e rosette a stucco che degradano verso l’alto fino a sottolineare la raffigurazione dello Spirito Santo.

Sorretta da due colonne è posta, nella controfacciata, la cantoria.

Sono in tanti a giungere oggi presso la chiesa parrocchiale dedicata a santa Lucia vissuta a Siracusa e morta martire intorno all’anno 304 sotto la persecuzione di Diocleziano.

Patrona dei ciechi, degli oculisti, degli elettricisti.

Un esempio di fede cui i salernitani si rivolgono per impetrare il dono della luce degli occhi e della fortezza nelle prove, così come in tutto il mondo si trovano reliquie di Lucia e opere d’arte a lei ispirate.