Antichi luoghi che rievocano tanta storia: la Chiesa di San Giacomo a Cava

Foto by Paesionline

La chiesa più antica del borgo Scacciaventi di Cava de’ Tirreni è quella di S. Maria della Pietà, detta comunemente chiesa di San Giacomo; essa fu fondata da Buzio Vespone, come si evice dalla bolla del vescovo D. Francesco d’Ajello del 1410.

Adiacente alla chiesa di San Giacomo vi era il piccolo ospedale cittadino, al quale furono assegnate alcune botteghe, perché si rifittassero per il mantenimento degli ammalati; ad amministrare il tutto provvedeva la Congrega di S. Arcangelo.

L’Università de la Cava si serviva della chiesa di S. Giacomo per i suoi parlamenti e vi mise pure un orologio pubblico.

Cava de’ Tirreni: prima rubano e poi fanno colazione nell’appartamento svaligiato

I ladri rubano e prima di uscire fanno colazione nell'appartamento che hanno appena svaligiato. E' accaduto a Cava de' Tirreni frazione Petrellosa, dove i malviventi hanno...

Essa occupa uno dei lotti dalla tipica forma allungata (a destinazione originariamente mercantile) e prospetta lungo il corso principale con una piccola ed elegante facciata barocca, stretta tra gli edifici laterali, interrompendo la sequenza dei portici del versante monte.

L’elemento caratterizzante della facciata è l’ingresso a galleria che precede il portale mediante un piccolo vestibolo esterno protetto da cancello.

L’interno della chiesa è a pianta longitudinale ad una sola navata piuttosto allungata. Sull’ingresso si sviluppa la cantoria, con una interessante balaustra lignea decorata, che corre lungo l’intera controfacciata; sul suo fondo, invece, trova spazio, in continuità con l’aula, il presbiterio e l’antico altare, oltre il quale continua un ulteriore ambiente retrostante (sacrestia).

La facciata che oggi ammiriamo è del 1739, è decorata da un arco trionfale, preceduto da un portico.

Molto belli gli stucchi, così come il campanile a vela, sormontato da un tetto a due falde.

Nascosto alla vista, si eleva il campanile a vela con tetto a due falde.

L’interno è a pianta rettangolare, si ammira la volta a botte “unghiata”, stucchi settecenteschi, l’altare centrale in marmi policromi e un’acquasantiera del XV secolo.

Fin a tarda età Mamma Lucia si occupò della chiesetta facendone un punto di riferimento per tutte le mamme.

Per questo, quindi alla Chiesa di San Giacomo dal popolo, fu dato l’appellativo di “Chiesa di Mamma Lucia”