Salerno da valorizzare: l’antica chiesa di San Filippo Neri al Centro Storico

Foto via Facebook

Andiamo oggi a vedere un gioiello dell’architettura antica, sito a Salerno, nel cuore del suo centro storico: la chiesa di San Filippo Neri.

Oggi abbandonata a se stessa, la chiesa è stata costruita alla fine del XVI secolo, e subito vi si insediarono i Padri Cappuccini.

All’inizio, la chiesa di San Filippo Neri fu intitolata alla Santa Croce, ma poi nel 1761, essa fu acquisita dalla congregazione dell’Immacolata Concezione di Maria Santissima e di S. Filippo Neri, e così fu chiamata con il nome di questo santo.

Niente personale OSS al Costa d’Amalfi. Infermieri costretti a fare i socio sanitari

Cambia la gestione del servizio logistico presso l'Ospedale Costa D'Amalfi di Castiglione di Ravello e da qualche giorno gli addetti al presidio lamentano l'assenza...

La chiesa fu interessata da alcuni lavori di ristrutturazione e ampliamento nel 1763, e si realizzarono così la sagrestia, e due nicchie laterali per collocarvi le statue della Madonna e di San Filippo Neri.

Durante questi lavori, fu rifatto anche l’altare.

Curiosità: nel XIX secolo, un turista inglese rappresentò la chiesa di San Filippo Neri a Salerno su una xilografia, tanto egli fu rapito dalla vista che si godeva da quel posto e dalla bellezza di questa struttura.

La sua pianta, come poche chiese in Campania, è ottagonale.

L’interno è pregevole con stucchi ottocenteschi ed affreschi che raffigurano la vita di San Filippo Neri, che è anche presente con la statua del 1778 dello scultore Giuseppe Manzo.

Sull’altare si trova un quadro che raffigura degli angeli sotto la croce di Cristo.

Purtroppo, a tutt’oggi, nonostante nel 2010 la soprintendenza abbia eseguito dei lavori di consolidamento statico, la Chiesa di San Filippo Neri vige in totale abbandono.

Un paio di anni fa, dopo una  apposita segnalazione fatta alla soprintendenza dei Beni Culturali sul degrado della struttura, la stessa ha fatto sapere che alcuni anni addietro era stato presentato alla Regione, un progetto di restauro per questa chiesa e per altre realtà in Salerno, progetto che però ancora attende finanziamento.

Insomma, sulla questione si aspetta una migliore collaborazione tra il Mibact e gli altri Enti Pubblici coinvolti, in questo caso, la Regione.

Un vero peccato che ancora si sia in alto mare, perchè la chiesa di San Filippo Neri potrebbe diventare un’ulteriore attrazione da valorizzare per la città di Salerno.

Speriamo che nell’immediato futuro qualcosa si muova.