Cava tra storia e cultura antica: altre vecchie filastrocche in dialetto

Esistono espressioni, detti, canzoncine e vecchie filastrocche che i bambini di un tempo conoscevano alla perfezione in quel di Cava de’ Tirreni.

E’ bello riscoprire queste antiche rime, sono quelle che conoscono le nostre nonne: parole che fanno capo ad una cultura di cui si è persa ormai traccia.

Di vecchie filastrocche abbiamo parlato anche in altri post precedenti, e, spulciando alcuni quotidiani locali di Cava de’ Tirreni che si stampavano tanti anni fa, abbiamo trovato anche queste altre che vi riportiamo qui di seguito.

Porto di Salerno: in prova nuovo sistema d’illuminazione del molo di sopraflutto

Importante novità introdotta al fine di aumentare l'operatività del porto di Salerno. Grazie al completamento, realizzato con la collaborazione degli imprenditori locali, del nuovo sistema...

Chissà che queste vecchie filastrocche non si possano riprendere ed insegnare alle nuove generazioni dei più piccoli.

Buona lettura…

#1 Prereca-prerecozze

Prereca-prerecozze
Prèreche quande pozze
Quande nen pozze chiù
Scengh’ ‘i e ssaglie tu

#2 ‘A spione i’ pulezzie

‘A spione i’ pulezzie
Porte ‘i llettere a mamma mia
Mamme nen ge sta
‘a spione se ne va
Se ne va rint’ ‘a candine
Se va’ a bbeve tutt’ ‘u vine

#3 Anielle ‘u patanielle

Anielle ‘u patanielle
Mette ‘u ffuoche ‘nd’ ‘u cappielle
‘u cappelle s’abbruciaie
E Anielle jastemaie
Jastemaie tutt’ i Sande
E Anielle ‘u jettasanghe

#4 E’ Sciute n’ata mode

E’ Sciute n’ata mode
‘u cappielle a quatte pizzele
‘i ffemmene senza zizze
Nen ze ponne mmareta’

#5 Pe’ ssotte – pe’ ccoppe

Pe’ ssotte – pe’ ccoppe
P’ a’ cammere ‘i notte
Cercanne ‘u sceruppe
Cercanne ‘u ricotte
C”a luce appicciate
C’ ‘alice ammiscate
Che è sta mugliere
Che è stu ‘nzura’

#6 E pecche’?

— E pecche’?
— pecche’ ‘u pape nen è rre
‘u rre nen è ppape
E tu sì na Cape ‘i rape

#7 Bella Figliole

Bella figliole Ca te chiame Rose
Viate a chi te rette ‘u prime vase!

#8 Sant’Arcangele tunne tunne

Sant’Arcangele tunne tunne
i ccambàne appese à lune
‘ i prièvete songhe ‘i paglie
ll’ardare senza tuaglie

#9 Teresa Terese

Teresa Terese
Tutt’ ‘a notte ‘a tene appese
‘I pe’ te fa schiattà
Sempe appese ‘a facce sta

#10 Marie lavave

Marie lavave
Giuseppe spanneve
‘u Figlie chiagneve
Ca vuleve zucà
– Zitto mio Figlio
Che ora ti piglio
Ti sfascio t’infascio
Ti torno a corcà

#11 ‘Ngiuline

‘ngiuline jette ‘a messe
‘ntonio ‘a jette appriesse
‘ngiuline ‘ndroppecaie
e ‘ntonio s’ ‘a vasaie

#12 Enze potenze

Enze potenze
Cammine e penze
Penze ‘a ‘nnammurate
e Enze ‘o scustumate

#13 ‘I jute ‘o muline

‘I jute ‘o muline
E ‘u poste è d’ ‘u mie
‘I jute ‘u mercate?
E ‘u poste è occupate

#14 Avenne – putenne – pavanne

Avenne – putenne – pavanne
Une ddoie e tre
ttàppete arrete a te

(Fonte “Il Castello” – Ottobre 1964)