Cava de’ Tirreni: a Vairano Patenora grande spettacolo dei trombonieri di Santa Maria del Rovo

E’ stata una serata di grande spettacolo quella andata in scena nel Borgo e della Fortezza Medievale della città di Vairano Patenora comune della provincia di Caserta. Dal tramonto e fino a sera tardi si è esibito il Casale Santa Maria Del Rovo di Cava d’ Tirreni.

Neo vincitore della “Disfida dei Trombonieri”, il Casale si è presentato all’appuntamento medievale con oltre 85 unità che hanno rappresentano una sequenza di movimenti coreografici alternati a batterie di fuoco conclusi con la famosa “Bomba” molto suggestiva e fragorosa.

Riconoscimenti e applausi a non finire che hanno accompagnato l’esibizione dei trombonieri di Cava de’ Tirreni divisa in due parti, apertura e chiusura, della “XVI edizione Festa Medievale” hanno inorgoglito i componenti del gruppo e il presidente che, in abiti “borghesi”, presente e supervisore affinché tutto andasse per il meglio per garantire la massima sicurezza dei componenti il sodalizio e degli spettatori.

Ascolti tv 19 maggio: è testa a testa tra “Ballando con le stelle” e...

Ottimi risultati ha fatto segnare in fatto di ascolti tv lo storico programma andata in onda su Rai1 “Ballando con le stelle” che ha ottenuto il 24,7% di...

Ovviamente soddisfatto di quanto visto il presidente dei trombonieri del Casale di Santa Maria del Rovo:«Sempre emozionante vedere i soci del casale che rappresento esibirsi nelle piazze italiane e non solo, stupendo vederli in uno scenario medievale come questo di Vairano. Un Borgo gremito di persone in prossimità di una Fortezza imponente che viene valorizzata e diventa canale preferenziale del visitatore giunto da ogni dove per calarsi in una suggestiva serata tra banchi medievali che si accostano a scenari di “vita da campo” come l’accampamento di milizie e arcieri, una mostra delle macchine da tortura e una mostra fotografica nella chiesa di S. Maria Di Loreto che si erge nel Borgo. Cava de’ Tirreni necessita di un recupero e di un programma di eventi che possano valorizzare e custodire nel migliore dei modi la nostra “fortezza”, l’antico maniero, più comunemente conosciuto come “Castello di Sant’Adiutore”. Purtroppo, molto spesso, il “Castello” vive nell’ombra per tutto l’anno e viene rivitalizzato solo nei giorni del mese di giugno … dimenticando che può essere un’ottima risorsa da valorizzare in diversi periodi dell’anno e attirare visitatori anche per mostre ed eventi culturali di prestigio».