Cava de’ Tirreni si appresta a festeggiare Sant’Alfonso al rione Filangieri

Da questo Sabato 29 Luglio e fino a Giovedi 3 agosto Cava de’ Tirreni si appresta a festeggiare Sant’Alfonso, presso la Parrocchia di S. Alfonso, sita in via Filangieri 8.

Ecco il programma dei festeggiamenti in onore del Santo:

Sabato 29 Luglio, alle 18:30, si terrà la processione con la statua di Sant’Alfonso, al termine Santa Messa presieduta da don Lorenzo Benincasa.

Andy Morris ad Amalfi. Il fotografo australiano immortala le bellezze della Costiera

Un ospite speciale ha immortalato le bellezze uniche della Costiera Amalfitana nello specifico di Amalfi da Zeffiro Sereno il fotografo australiano Andy Morris. L'artista ha incentrato sui...

Domenica 30 Luglio, alle 19:00 partirà la processione della statua di Santa Lucia Vergine e Martire.

A seguire Santa Messa, presieduta da don Beniamino D’Arco, parroco della parrocchia che porta il nome del Santo a Cava de’ Tirreni.

Lunedì 31 Luglio, alle 19:00, si terrà la Santa Messa presieduta da don Christian Ruocco.

A seguire la “Festa delle Famiglie”, con proiezione del filmato sulla festa di Sant’Alfonso e l’edificazione della Chiesa “Sant’Alfonso story”.

Martedì 1° Agosto, alle 19:30, si terrà la Santa Messa, presieduta da don Alessandro Buono nel VI anniversario della Consacrazione della Chiesa.

A seguire spettacolo comico di Antonio Fiorillo, comico di Made in Sud.

Mercoledì 2 agosto alle ore 19, si terrà la processione del Santissimo Sacramento ed inaugurazione dell’Aquila Giovannea, ad ornamento dell’ambone, opera del maestro scultore cavese Domenico Sorrentino.

Giovedì 3 agosto, alle 19, si terrà la Santa Messa a conclusione della Festa, poi lo spettacolo comico del famosissimo comico Biagio Izzo.

Non mancate, l’ingresso è gratuito.

Conosciamo un pò la storia del Santo protagonista della Festa, Sant’Alfonso Maria de’ Liguori.

Il significato del suo nome, Alfonso, rispecchia sinteticamente la sua personalità: valoroso e nobile.

Alfonso Maria de’ Liguori nacque il 27 settembre 1696 a Marinella, nei pressi di Napoli, nel palazzo di villeggiatura della nobile famiglia: il padre Giuseppe era ufficiale di marina e la madre, Anna Cavalieri, apparteneva al casato dei marchesi d’Avenia.

Egli fu il primo dei loro otto figli e crebbe all’insegna di una robusta educazione religiosa, addolcita però sempre da sentimenti di compassione nei riguardi dell’infelicità altrui

Tra il 1723 e il 1732 si colloca il periodo ecclesiastico con l’ordinazione sacerdotale nel 1726 e l’esercizio ad ampio raggio del ministero.

Quando nel 1730 fu mandato a Scala, sopra Amalfi, esplose la sua spiritualità con la fondazione due anni dopo e poi la diffusione della Congregazione del SS. Salvatore, successivamente approvata dal papa Benedetto XIV come Congregazione del SS. Redentore.