Cava de’ Tirreni in un quadro esposto in mostra a Gallipoli

Foto by Gerardo Siani via Facebook

Esistono molti quadri di epoca storica che raffigurano paesaggi dell’antica Cava de’ Tirreni.

Uno di questi, o meglio la sua riproduzione, è adesso in mostra presso la Sala Esagonale del Castello di Gallipoli dallo scorso 20 Giugno.

L’esposizione durerà fino al prossimo 5 Novembre 2017, ed è intitolata “I porti del Re” e contiene tele che ritraggono principalmente i porti pugliesi, con una parte speciale dedicata ad altri paesaggi, dove appunto si può vedere questa riproduzione.

Amalfi: ecco com’è cambiata in 3 secoli la processione di Sant’Andrea

Tre secoli di processioni sempre con la stessa stessa statua. Quella di Sant'Andrea che Amalfi venera da trecento anni e che venne realizzata nel...

Sono tutti quadri del pittore settecentesco Jacob Philipp Hackert, ma l’originale di questo quadro, che raffigura una veduta antica sul ponte vicino l’ospedale con in lontananza il monte Castello, si trova nella Reggia di Caserta.

Il quadro di cui parliamo è intitolato “Veduta della Cava di Salerno” e fu dipinto a tempera su carta nell’anno 1782.

Hackert arrivò in Italia per la prima volta nel 1768 insieme al fratello, e si stabilì a Roma, ma poi nel 1770 sbarcò a Napoli, dove fu ingaggiato dall’ambasciatore inglese William Hamilton che gli commissionò di dipingere immagini del Vesuvio e del Monte Nuovo di Pozzuoli per illustrare la sua opera Campi Phlegraei.

Una volta in Campania, ritrasse anche numerosi scorci di varie località campane Pozzuoli, Sorrento, Vietri sul Mare, Cava dei Tirreni.

Tornato poi a Napoli nel 1782 fu presentato al re Ferdinando IV di Borbone che gli richiese di eseguire altri quadri, con vedute di paesaggi del suo grande Regno delle Due Sicilie.

Le sue opere furono talmente apprezzate dal sovrano che Hackert diventò pittore di corte nel 1786.

Questo artista non è l’unico che in quegli anni si recava a corte e al quale venivano commissionati dipinti con i paesaggi campani.

Basti pensare che proprio Cava de’ Tirreni era meta di artisti, provenienti da Napoli, che desideravano immortalare le bellezze naturali del luogo.

A quel tempo la stessa Cava era un posto caro ai Borbone.

Altri quadri dell’epoca in cui Cava de’ Tirreni è raffigurata si trovano anche, oltre che alla reggia di Caserta, al Palazzo Reale di Napoli, ma anche al museo di Reggio Calabria.