Da Capodichino si vola low cost. Ecco le 17 nuove tratte Ryanair da Napoli

Con una previsione di spesa pari a 300 milioni di dollari Ryanair entra a far parte delle compagnie aeree che voleranno da Napoli Capodichino. Dopo aver scartato l’ipotesi Salerno-Costa d’Amalfi la compagnia irlandese ha annunciato il piano di investimenti che prevede ben 65 voli settimanali, l’impiego di 3 aeromobili nella base (1 a marzo, 1 a maggio, 1 a luglio) un numero di passeggeri che si attesta sul milioni per anno e 750 lavori in loco. Ryanair ha inoltre celebrato i nuovi voli da Napoli mettendo in vendita i posti con tariffe a partire da soli 19.99 euro per viaggiare fino a maggio, e disponibili per la prenotazione fino dalla mezzanotte di martedì 6 dicembre. «Poiché i posti a questi fantastici prezzi bassi andranno a ruba velocemente, invitiamo i passeggeri ad accedere subito al sito www.ryanair.com per evitare di perderli» ha detto in conferenza stampa David O’Brien, Chief Commercial Officer di Ryanair.

Ecco quali saranno le tratte che la compagnia attiverà da Napoli Capodichino: Brema dal 5 maggio (2 voli a settimana); Copenaghen dal 2 maggio (3 a settimana); East Midlands dal 2 maggio (3 a settimana); Eindhoven dal 7 aprile (2 a settimana); Francoforte Hahn (2 a settimana); Danzica (2 a settimana); Kaunas dal 4 maggio (2 a settimana); Lisbona dal 3 maggio (3 a settimana); Madrid dal 5 aprile (2 a settimana); Manchester dal 4 aprile (3 a settimana); Milano Bergamo dal 1 maggio (3 al giorno); Siviglia dal 3 maggio (2 a settimana); Stoccolma dal 5 maggio (2 a settimana); Tolosa dal 3 maggio (2 a settimana); Treviso dal 4 aprile (2 al giorno); Valencia dal 2 maggio (2 a settimana); Varsavia Modlin (2 a settimana).

«Ryanair ha il piacere di annunciare che le tariffe low cost sono arrivate a Napoli, nostro 27° aeroporto in Italia, con 17 nuove rotte – ha detto David O’Brien – Siamo inoltre lieti di aprire una nostra base qui all’Aeroporto di Napoli, la nostra 16a in Italia, per la quale nel corso del 2017 prevedremo l’aggiunta di 3 aeromobili nella base con un investimento da 300 milioni di dollari, a supporto della futura crescita di rotte, traffico e turismo a Napoli nei prossimi anni».