Campania: caldo record nella giornata di ieri percepiti ben 54°C. Ecco dove

In questi giorni la Campania e più in generale il sud Italia sono attanagliati dal caldo e dall’afa. Le temperature sono elevatissime, con punte che superano anche i 40°C e che a causa dell’elevato tasso di umidità finiscono per essere percepite come ancora più alte.

Un record per la temperatura percepita oltre i 50°C spetta proprio alla Campania, per la precisione al comune di Grazzanise, paese di poco più di 7mila abitanti in provincia di Caserta dove ieri la temperatura percepita è stata di ben 54°C.

Secondo quanto riportato dal sito dell’aeronautica militare i tratterebbe di un vero e proprio record. A fronte dei 34°C reali e per effetto dell’elevata tasso di umidità i residenti e turisti di Grazzanise hanno percepito una temperatura di 20 gradi superiore.

Il Sole24Ore valuta Salerno nella sua pagella economica, ecco come è andata

Il noto quotidiano Il Sole24Ore, ha da poco diffuso uno studio dove ogni provincia italiana è stata valutata su diversi indicatori, nello specifico ben dieci,...

Di certo non se la sono passata meglio gli abitanti di Ferrara che hanno avvertito una temperatura di 50°C a fronte dei 40°C effettivi, Marina di Ginosa in Puglia 49°C a fronte dei 36°C reali e Guidonia in Lazio dove sono stati percepiti 48°C rispetto ai 40°C registrati. Diverse le città in cui sono stati percepiti ben 47°C: Forlì, Rimini, Latina e Capo Carbonara.

Questa prima settimana di agosto sarà caratterizzata da temperature superiori alla media del periodo in tutto il Paese, con picchi di temperatura particolarmente elevati. Le previsioni del sistema nazionale di allerta per ondate di calore indicano condizioni di disagio climatico, con rischi per la salute che interesseranno gran parte del territorio nazionale.

L’innalzamento delle temperature al disopra della media stagionale può rappresentare un rischio per la salute della popolazione più vulnerabile, con particolare riferimento agli anziani di età superiore a 75 anni, malati cronici, bambini piccoli di età compresa tra 0 e 4 anni e donne in gravidanza.