Camilla, la Duchessa di Cornovaglia in visita a Napoli

Camilla Parker Bowles, Duvhessa di Cornovaglia e moglie del Principe Carlo, in visita a Napoli. Come riportato dall’Agenzia “ansa.it”  Camilla si è recata al 267 della Riviera di Chiaia, nel palazzo che è sede del laboratorio di Marinella, storica boutique di cravatte di Napoli. Ad accoglierla, all’esterno, il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, e Maurizio Marinella, patron della casa.

In seguito, accompagnata da de Magistris e Marinella, la duchessa ha raggiunto il negozio, passeggiando per la Riviera ed effettuando una breve sosta nella pizzeria “Pizza Margherita”. I titolari hanno omaggiato Camilla con una pizza. Infine la duchessa ha fatto tappa nell’atelier di Marinella.

Un bellissimo segnale é stato lanciato dalla duchessa di Cornovaglia che ha visitato la villa confiscata al boss della camorra Michele Zazza, con vista mozzafiato sul golfo di Napoli, tra i giovani vulnerabili e con disabilità, i familiari delle vittime della mafia, le ragazze sottratte al racket della prostituzione e l’orchestra dei ragazzi del rione Sanità.

Ravello, l’incendio del borgo di Torello. Ecco le immagini spettacolari / Foto e Video

Si è rinnovato anche quest’anno l’appuntamento con l'incendio del Borgo. A Ravello, nella piccola frazione di Torello, dove l'attesissimo spettacolo pirotecnico ha attirato l'attenzione...

Camilla é rimasta estasiata,oltre che della bontà della pizza di Napoli, anche e forse soprattutto dall’affetto e dalla’accoglienza che le hanno riservato i napoletani.

Carlo e Camilla hanno intrapreso un viaggio in Italia per visitare visitaree bellezze Firenze del Veneto e della meravigliosa Napoli, senza dimenticari dell’incontro con i volontari Caritas e i terremotati di Amatrice. Una visita reale che partirà da Firenze per poi spostarsi a Roma, in Austra, Albania e Romania.

Una bella pagina per il capoluogo partenopeo e per l’erede al trono inglese e la sua compagna che hanno potuto ammirare le bellezze artistiche immense del nostro paese, senza dimenticare il calore che la città partenopea ha donato alla Duchessa di Cornovaglia.