Cambiamenti climatici e conservazione dei beni culturali: un workshop a Villa Rufolo

I cambiamenti climatici, oltre a creare danni considerevoli all’ambiente, rappresentano anche una minaccia crescente per il patrimonio culturale mondiale. Ogni anno, in varie parti della Terra, si verificano inondazioni, uragani, tsunami, frane e altri eventi catastrofici che, oltre a provocare pesanti danni alla popolazione, condizionano anche lo stato di conservazione di monumenti, siti archeologici, centri storici, musei, biblioteche e opere d’arte in generale.

Per verificare lo stato dell’arte il Consiglio d’Europa, in collaborazione con il Centro di Ravello ed il Ministero della cultura francese e con il supporto di Icomos Italia, ha organizzato, nello scenario di Villa Rufolo, dal 18 maggio al 19 maggio 2017 un workshop internazionale dal titolo “Cultural Heritage Facing Climate Change: Experiences and Ideas for Resilience and Adaptation”. Alla due giorni hanno aderito esperti, professionisti  accademici, nonché rappresentanti delle istituzioni europee.

Ancora un pareggio per il Costa d’Amalfi. E’ 1 a 1 contro il Castel...

Non arriva la prima vittoria di questa nuova stagione per il Costa d'Amalfi. Ancora un pareggio, come la scorsa settimana contro l'Audx Cervinara, ancora un...

Nell’ultimo decennio la comunità scientifica europea si è adoperata per definire e analizzare le minacce e l’impatto dei cambiamenti climatici sul patrimonio culturale. La Commissione Europea ha sostenuto due importanti progetti sul tema “L’Arca di Noè” (2003-2007) e  “Climate for Culture” (2009-2014).

Già nel 2008 il Consiglio d’Europa ha commissionato un rapporto sulla “Vulnerabilità del patrimonio Culturale per effetto dei cambiamenti climatici” e l’anno successivo ha organizzato a Ravello,  il Primo Workshop internazionale su  “Climate change and cultural heritage” da cui sono scaturite le “Raccomandazioni del Comitato dei Corrispondenti permanenti dell’Accordo Parziale Aperto sui Rischi Maggiori (EUR-OPA Major Hazards).

In quell’occasione gli Stati membri hanno chiesto che fossero identificati i beni culturali più minacciati dai cambiamenti climatici, promosse azioni di formazione per i professionisti del patrimonio culturale e integrate le politiche di adattamento ai cambiamenti climatici con il patrimonio culturale.

Di conseguenza, dal 2009 al 2015 il Consiglio d’Europa ha promosso, con l’Università Paris-Est Créteil ed il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali, una serie di corsi di specializzazione sul tema. Infine da segnalare i risultati della conferenza Climate COP 21 di Parigi che hanno ulteriormente sottolineato l’urgenza del problema.